Archive | April 2015

SIMONE LAURINO: il giovanissimo cantautore veneto all’esordio con il suo album dal titolo “18”

Dieci tracce originali che, partendo da esperienze personali, raccontano in modo sincero, ironico e attuale il mondo dei diciottenni di oggi alle prese con le loro inquietudini unite alle prospettive grigie di un futuro incerto, ma anche le loro speranze e i loro desideri di ribellione positiva al sistema.

Il disco è stato registrato e mixato negli studi “Sotto il mare Recording” di Luca Tacconi a Povegliano Veronese e masterizzato a Chicago da Carl Saff.

Tutti i brani sono stati scritti, musica e parole, dallo stesso Simone che ne ha curato anche gli arrangiamenti con l’aiuto di Daniele Richiedei, il quale ha anche contribuito nell’arrangiamento degli archi, mentre Leonardo Morelato ha scritto e suonato le parti di pianoforte.

A supporto dell’album è uscito anche il videoclip ufficiale del singolo che ha ottenuto in pochi giorni moltissime visualizzazioni: 

Il video è stato girato con tanti giovani di Bovolone, il paese di residenza di Simone, con la regia del colombiano Andres Duque Elzaar e la direzione artistica di Gustavo Rebonato.

« “18” è nato dall’ingenuità e dalla determinazione della maggiore età.

Il desiderio di diventare un musicista nacque in maniera spontanea e non mento nel dire che capitò in una frazione di secondo, scesi le scale, andai da mia madre e le dissi: “Mamma, ho capito cosa voglio fare della mia vita.”

E “18” vide luce poco tempo dopo, in una calda (ma calda) notte d’agosto del 2013, non riuscivo a prendere sonno, erano probabilmente le due. Mi alzai, presi un blocchetto, un pennarello blu e di getto scrissi su questo blocco a quadretti un grande “18”. Volevo partire da lì, senza un perché, senza troppe spiegazioni.

Capii col tempo che l’album per poter essere completo aveva bisogno di tempo, aveva bisogno di prendere fiato e di respirare.

Un disco alla fine si può benissimo riassociare ad un periodo della tua vita, ma se questo periodo non si completa non puoi pretendere che il disco trovi la sua conclusione.

18” concluse il suo ciclo di stesura agli inizi di agosto del 2014 (un anno dopo dalla nascita di questa idea), qualche giorno dopo fui bocciato agli esami di recupero della quarta superiore, un senso di libertà in quell’attimo divenne (ridivenne) mio.

Fui molto categorico con i professori quel giorno: “Non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare.”

Forse per la citazione Sorrentino sarà contento, credo.»

BIO

Simone Laurino, è un giovane cantautore di 18 anni da Bovolone in provincia di Verona.

Fin da piccolo la musica ha sempre avuto un ruolo importante spingendolo a suonare già dall’età di 6 anni; a 14 anni comincia a scrivere le sue prime canzoni. I suoi brani, composti tutti interamente da lui sia musica che testi, rivelano una notevole sensibilità artistica e il suo timbro vocale caldo risulta piacevole al primo ascolto.

Il 14 aprile 2014 ha pubblicato il suo primo singolo da solista dal titolo “Nemmeno Shakespeare lo sapeva”, cui è seguito il videoclip girato negli angoli suggestivi di Verona. Sia il brano che il video hanno ottenuto subito un ampio consenso.

Il 31 maggio è uscito il suo secondo singolo, dal titolo “Sole di domenica”. Il 6 Luglio 2014 ha aperto il grande show HARLEKING – RE DEI COLORI al Castello di Salizzole (VR). Apertura ripetuta anche il 27 Settembre 2014 al PalaMuse di Bovolone (VR). Ha inoltre partecipato come ospite al programma di Telearena, “Serie A”.

Il 21 dicembre 2014 ha presentato sia con un concerto live che in tv il suo primo album registrato presso il “Sotto il mare Recording studio” che contiene dieci brani inediti interamente scritti arrangiati e cantati da Simone.

Contemporaneamente al cd che si intitola semplicemente 18 (come i suoi anni) è uscito il videoclip del singolo, anche questo intitolato 18 con la regia del colombiano Andres Elzaar . Seguirà un tour nei locali di Verona e dintorni dove Simone oltre a presentare il suo nuovo lavoro, proporrà a modo suo alcune cover famose italiane e internazionali.

E’ considerato dagli addetti ai lavori che hanno avuto modo di ascoltare in anteprima il suo lavoro, una autentica promessa per il cantautorato pop italiano.

Etichetta discografica Simone Laurino

Sito ufficiale:  www.simonelaurino.it

Facebook:  www.facebook.com/simonelaurino

Twitter:  www.twitter.com/LaurinoSimone

YouTube:  www.youtube.com/channel/UCQSAdIWzO3N1ITx585zOAnA

Instagram:  www.instagram.com/simonelaurino

Advertisements

BORGHESE: LA TIPA DI ROCKIT è il primo singolo estratto dal nuovo lavoro in studio della band IN CASO DI PIOGGIA LA RIVOLUZIONE SI FARÀ AL COPERTO

Un’analisi del mondo musicale ma anche di tutta una generazione che continua a fare sogni ingombranti, a prendersi sul serio e a nascondersi, quando invece il proprio tempo pretende il contrario: pragmatismo ad ogni costo, una buona dose di arrivismo e idee semplici da spiattellare in faccia al proprio interlocutore.

Un tipo abbronzato che scende da una Porsche con una t-shirt con la vistosa scritta “Pusher”: un vero vincente dei tempi moderni. L’emblema del successo all’età dei cyber-primitivi del terzo millennio: questo lo spunto di vita reale che costituisce la scintilla per “la Tipa di Rockit” il primo singolo di Borghese, la band arrivata al suo secondo lavoro in studio “In caso di pioggia la rivoluzione si farà al coperto”. Questo soggetto diventa a sua insaputa il simbolo dell’ostentazione, parodia e metafora di certi rapper tutti catene d’oro e macchine rombanti, naturale contraltare del musicista “intellettualoide” che invece si bea quasi nell’arrivare a pochi, facendosi un vanto di quella che in realtà è la sua sconfitta: il non poter campare della sua arte. Un musicista intellettuale che si auto legittima con pose da rockstar sui social ma che in realtà deve fare un altro lavoro per permettersi la passione della sua vita.

Un musicista che apparentemente ha un’idea su tutto ma che non si espone mai per paura di perdere posizione in quella nicchia che si è grattato con le unghie.

Una generazione di ragazzi in perenne posa da disillusi senza avere avuto mai la possibilità di illudersi, condannata all’austerità anche dei pensieri; una generazione che non capisce che giudicare la propria vita con i parametri dei proprio genitori conduce solo all’infelicità; una generazione che ignora che “la vita è solo la vita, non serve drammatizzarla, tanto nessuno ne uscirà vivo”.

ll secondo album di Borghese, quello che accompagna il passaggio da cantautore a band di tutto il gruppo di lavoro che aveva collaborato alla stesura del primo disco. Quello che segna la nascita in Italia di una vera band elettropop. Il disco che leva la maschera al cantautore de “L’educazione delle rockstar” e ne moltiplica per quattro l’identità svelata. Un disco corrosivo e generazionale, intellettuale e irriverente al tempo stesso. Ma anche il primo esperimento di disco “social” come lo definisce Angelo Violante, l’autore di tutti i testi e leader della band: «per più di un anno ho appuntato su un quaderno frasi significative che sentivo dire dalla gente intorno a me, ho infatti raccolto meticolosamente un fiume di pensieri, non miei bensì di altri. Quindi ho scelto a tavolino il tema delle canzoni e ho mescolato tutto, prendendo da quella sorta di libreria costruita da centinaia di frasi i tasselli per creare undici puzzle, ovvero le undici tracce finite alla fine sul disco; ho agito con un cut-up alla maniera degli autori della beat generation e ho dato un senso, accostandole, a frasi estrapolate e rubate da ambiti diversissimi. Ho scritto un disco che non ho scritto io, un disco di cui non sono l’autore ma il regista, un disco che mi appartiene ma di cui una quota appartiene a voi, magari, a vostra insaputa. Un disco in cui si nobilita il concetto di plagio su cui puoi “taggarti se riconosci qualcosa che ti appartiene”. »

BIO

«In un paese per tanti decenni così diviso tra sinistra e destra scegliere come nome d’arte “Borghese” doveva avere lo stesso impatto che ebbe Veronica Ciccone quando scelse il suo (in un paese religioso come gli States), decidendo di chiamarsi Madonna. Per mesi infatti la prima domanda che Borghese ha subito dai giornalisti musicali è stata “ma… quindi sei di destra?”. La risposta era sempre la stessa: “mi scusi, le risulta che Madonna fosse Vergine quando scelse il suo nome d’arte?”. Un modo efficace per esser ricordato, questo giustifica la scelta di un nome d’arte e questo è stato il risultato raggiunto a pieni voti. Niente di più.»

Da questa premessa e da un abbozzo di romanzo mai terminato inizia la collaborazione di Angelo Violante in arte Borghese con la TouchClay Records di Giacomo Pasquali il quale è il primo ad interessarsi agli abbozzi dei suoi testi disinibiti e strampalati.

Nel giugno del 2013 esce “L’Educazione delle rockstar” e il suo primo singolo “Luoghi in comune” che fa 8 mila visualizzazioni su YouTube, seguito dal singolo “Bella ciao” che ha scatenato non poche polemiche che ne fa quasi il doppio; arrivano le recensioni della stampa nazionale tutte positivamente unanimi e concordi nel dire che l’Italia si trova davanti un nuovo modo di intendere il cantautorato rock. Repubblica, Il fatto quotidiano, Il Manifesto, Rockit, Ondarock, Rockol, (solo per citarne alcune) oltre che le principali radio indipendenti del paese ospitano Borghese. Arrivano le richieste dei promoter, arrivano le date dei concerti (quasi 40) in un tour sviluppato su tutto il territorio nazionale. Borghese ha modo inoltre di dividere il palco con Le luci della centrale elettrica, con i Velvet, col Management del dolore post operatorio, coi Nobraino e Giuradei.

Nel 2014 pubblica un ep “Il passato non è più necessario” in cui reinterpreta tre cover affiancato da musicisti del calibro di Giorgio Baldi (produttore e chitarrista di Max Gazzè), Matteo De Simone dei Nadàr Solo (tra le altre cose, la band che accompagna Levante), Gianluca Lusi (uno tra i migliori sax jazz italiani).

Il secondo disco, di prossima pubblicazione, si chiamerà “In caso di pioggia la rivoluzione si farà al coperto” e segnerà il passaggio del marchio Borghese da singolo a band. Il progetto diventerà quindi un percorso comune di tutti i 4 musicisti che avevano collaborato nei precedenti lavori in studio e che ora sono entrati nella composizione e nell’arrangiamento di tutti i brani del nuovo disco, spingendosi più marcatamente in territori elettro e alt pop.

La line up della band al momento: Angelo Violante (voce e synth) Giacomo Pasquali (chitarre e cori) Daniele “Verz” Domenicucci (batteria e programmazione drum-machine) Gianluca Di Toro (basso e cori).

Etichetta: TouchClay Records

SITO WEB http://www.borgheserock.it

FACEBOOK http://www.facebook.com/borgheserock

TWITTER http://www.twitter.com/borghes_e

YOUTUBE http://www.youtube.com/borghserock

Francesca Zizzari 

Tel. 328 4161425

L’AltopArlAnte – www.laltoparlante.it

PromoRadio ||| PromoVideo ||| PromoStampa&Web

PULLULA DI PILLOLE è il singolo d’esordio degli INVIVO FAIA

Il brano che apre il loro primo album, dal sound fresco, scoppiettante e ballabile a supporto di un testo ironicamente amaro.

Immaginiamo un mondo grigio dove qualsiasi problema di natura esistenziale, fisica, politica, sociale ed emotiva venga risolto di colpo grazie alle pillole, tante pillole, un mare di pillole colorate. Tutti ballano, tutti si divertono ma finite le pillole la festa finisce.

Un mondo che finge, disco d’esordio degli Invivo Faia, contiene otto tracce ed altrettante storie musicali. Originali e coinvolgenti le canzoni sono storie di vita comune narrate tra cinismo e ironia. I gusti musicali si fondono con la stessa energia trasmessa dal vivo. E sul disco si traducono in arrangiamenti che valorizzano con naturalezza ogni singolo brano.
Il disco che ha richiesto più di due anni per essere portato a compimento, è nato e cresciuto nelle varie sale prova “vissute” a Bologna e dintorni dalla band.
È stato poi preprodotto grazie all’aiuto di Luji Ventrucci e Danilo Silvestri e registrato dagli stessi presso gli studi Luji Production di Faenza.
Un’esperienza che ha fatto crescere molto il gruppo nella condivisione di momenti di grande intensità che sicuramente emergeranno dal sound della band attuale e futuro.

BIO
Bologna, ottobre 2008. Cinque musicisti si incontrano in uno scantinato di via Savona. Ci si confronta e si sperimenta l’influenza di diversi generi. Serve qualche mese di rodaggio ma la curiosità è tanta e l’entusiasmo non manca.
Nascono così gli INVIVO FAIA e la loro strana alchimia sempre in bilico tra Rock, Funk, Soul, Ska e Reggae.
Nel 2009 arriva il primo demo. Cinque brani registrati in presa diretta che permettono alla band di farsi conoscere e di iniziare l’attività live. Seguono numerosi concerti nel circuito underground bolognese e un mini tour nel 2010 in Puglia, terra d’origine di buona parte della band. Il palco vibra, il consenso del pubblico c’è ma le canzoni meritano di più.
Serve un lavoro più profondo prima del passo successivo. Si cambia sala prove e inizia la produzione di quello che diventerà il primo album ufficiale. A giugno 2013, dopo due anni di lavoro, entrano negli studi Lp-Luji Production di Faenza. Qui prendono forma otto canzoni e altrettante storie musicali. Canzoni originali e coinvolgenti, storie di vita comune narrate tra cinismo e ironia. I gusti musicali si fondono con la stessa energia trasmessa dal vivo. E sul disco si traducono in arrangiamenti che valorizzano con naturalezza ogni singolo brano.

Formazione:
Roberto Zacheo – voce; Antonio De Donno – tastiere, organo, voce; Davide Luzi – basso, cori; Giovanni Lo Verso – batteria, cori; Michele Tavian – chitarre, cori.

Sito: http://www.invivofaia.com
Facebook: facebook.com/invivofaia
Bandcamp: invivofaia.bandcamp.com
Twitter: twitter.com/invivofaia
Youtube: youtube.com/user/invivofaia
Reverbnation: http://www.reverbnation.com/invivofaia

Francesca Zizzari 
francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425

SUPEREROI Il primo singolo del giovane rapper D. MILEZ dal 20 gennaio in radio e disponibile in free download in contemporanea con l’uscita del video tratto dal suo primo ep (M).D.M.A.

«SUPEREROI è lo sfogo di un giovane che vive la dura realtà di ogni giorno, comune a me ed a tanti altri ragazzi.. »

«La canzone è nata con l’intenzione di voler creare “il pezzo forte del disco”, alla portata di orecchie abituate a diversi generi musicali .. in modo da avvicinare tutti, visto il tema di grande attualità che tratta credo sia un brano molto vicino alla realtà di tanti ragazzi della mia età. »

Da martedì 20 gennaio, il brano sarà disponibile in free download da SoundCloud al link: https://soundcloud.com/rustyrecords-1/dmilez-supereroi/, in contemporanea con l’uscita del video su YouTube.

BIO

Daniele Delmiglio, in arte D.Milez, nasce nell’Ottobre del 1991. Si avvicina alla musica hip hop in età adolescenziale. La disciplina che lo vede interessato fin da subito è quella del freestyle, in cui inizia a cimentarsi nel cortile del suo liceo con qualche compagno di classe.

Ben presto si accorge che quella era la strada che voleva percorrere, inizia quindi a partecipare alle prime “jam session” come freestyler, ottenendo importanti soddisfazioni.

All’inizio del 2012 decide di dare una svolta al proprio modo di essere “rapper” e inizia a cimentarsi nella scrittura di testi, registrando le prime canzoni. Nell’estate del 2012 conosce Matteo Merigo, che inizierà a guidarlo nelle scelte della sua carriera artistica in qualità di manager.

Nell’Ottobre 2012 esce il suo primo EP, tale “Ringo EP”, sotto la “Gold hip hop” in collaborazione con l’amico e compagno di palco “Amill”.

Nel Maggio 2013 esce il singolo “Un posto da favola” (https://www.youtube.com/watch?v=8wkw_dE5Le0), che otterrà una discreta considerazione nell’ambiente hip hop.

Un evento importante della sua carriera artistica è segnato senza dubbio dal suo primo featuring internazionale con un’artista parigino di nome “Maestro Moke”; il pezzo dal titolo “Armi pari” è stato prodotto da Slowbeatz e registrato presso Rec one Studio.

La carriera artistica di D.Milez prosegue attraverso le vittorie di svariati contest organizzati in tutta la Lombardia.

È nel Gennaio 2014 che arriva il momento della svolta, viene contattato dall’etichetta musicale Rusty Records, sempre attenta nella ricerca dei nuovi talenti emergenti, sotto cui uscirà il primo EP ufficiale di D.Milez dal titolo “(M).D.M.A”, interamente prodotto da Massimo Fregnani e registrato presso Rec One studio da Dj Bre.

Nell’aprile 2014 si aggiudica la vittoria del concorso “Riprenditi la città” (http://www.riprenditilacitta.it/en/) organizzato da AIDI con il video https://www.youtube.com/watch?v=YUz-jcvX-8s.

Da ottobre 2014 il management di D.Milez si riorganizza, con Barbara Berrino Manager dell’artista e Matteo Merigo responsabile del booking e dei progetti Live.

Sito web: www.dmilez.com Facebook: https://www.facebook.com/D.MilezOfficialFanpage

SoundCloud: https://soundcloud.com/dmilezofficial Twitter: @DMilezReal Instagram: d_milez

Distribuzione – Booking – Management: Rusty Records – 02.36693992 – barbara@rustyrecords.net

DOUBLE: la doppia anima di Gisella Cozzo in un nuovo album

Gisella presenta il suo nuovo lavoro discografico in uscita il prossimo 27 febbraio disponibile su tutte le piattaforme in digital download

Gisella Cozzo, cantautrice ed interprete Australiana, di origine Italiana torna con un nuovo album dal sapore più autentico e personale.

Dopo l’ultimo album “This is me”, con l’eccezionale partecipazione di Laura Pausini come co-autrice nel brano Good Morning Happiness, Gisella torna con un nuovo lavoro discografico in uscita a fine Febbraio intitolato DOUBLE.

Double rappresenta la ‘doppia’ personalità e anima di Gisella, un po’ rock e un po’ tradizionale, ma anche la sua doppia cittadinanza italo-australiana, due culture in una stessa voce. Ed è anche per questo che quasi tutti i brani saranno reinterpretati sia in inglese sia in italiano.

Dopo i due concerti tributo dedicati a Lucio Dalla dello scorso anno, Gisella ha poi deciso di inserire Caruso come unica cover italiana ed inoltre una cover australiana ‘What about me’ del gruppo rock ‘Moving Pictures’, una versione unica per un omaggio al rock australiano.

Un solo inedito, ‘Senza fiato’, scritto appositamente per il nuovo album, sempre in doppia versione italiano/inglese.

Double è una raccolta di quattordici brani famosi, di successo mondiale, scritti da autori e cantati da artisti importantissimi come Gino Paoli, Lucio Dalla, Tony Renis, Umberto Tozzi, Mina, Ben E. King, Celentano, Gloria Gaynor e tanti altri.

Il primo singolo estratto dall’album Double – in tutte le radio dal 27 febbraio – è la conosciutissima ed internazionale Quando Quando Quando di Tony Renis. Gisella reinterpreterà questo brano con un arrangiamento fresco, attuale e spensierato con la produzione artistica di Carlo Palmas e con la partecipazione straordinaria del rapper italo-africano Karim Domo.

La canzone sarà accompagnata e promossa da un videoclip, in uscita il prossimo mese, girato nella meravigliosa ed incantevole location di CastelBrando a Treviso, diretto dal creativo e giovane regista Alessandro Rota.

Gisella Cozzo è la regina dello spot grazie a numerosi e celebri spot televisivi sia come autrice, interprete ed anche attrice.  Gisella è entrata nelle case degli Italiani con la sua splendida voce, cantando spot Tv di fama nazionale ed internazionale come Coca cola, Levis, Fiat, Coppa del nonno, Webank, Chante Claire, Poste Italiane, Enel, Ciobar e Nutella, solo per citarne alcuni.

È autrice ed interprete anche di fiction e colonne sonore per il cinema italiano ed internazionale.

Gisella è anche stata una delle Smammas, il gruppo creato da Webank per dire no ai “bamboccioni” d’Italia.

Tracklist: DOUBLE

1.Quando Quando Quando feat. Karim Domo (English version)

2. You’re My World

3.Can’t Take My Eyes Off Of You

4. Stand By Me

5.Only Inspiration

6.What About Me

7. Gloria (English version) 

8.Quando Quando Quando Feat. Karim Domo (Italian version)

9. Il Mio Mondo( You’re my world)

10.Per Ricominciare (Can’t take my eyes off of you)

11.Pregherò (Stand by me)

12.Senza Fiato (Only inspiration)

13.Gloria (Italian Version)

14. Caruso

BIO

Gisella Cozzo nasce da genitori Italiani in Australia nella città cosmopolita di Melbourne, frequenta Rae’s Academy of Modern Singing ,a Melbourne. Studia canto e recitazione dall’età di dieci anni, si diploma alla St Aloysius College in Arte Drammatica.

In Australia muove i primi passi nel mondo musicale vincendo un premio canoro di ‘voci nuove’, nel programma nazionale,“Young Talent Time”; l’equivalente del nostro “Amici” o X Factor di oggi.

Inizia la sua carriera come “support artist” ad artisti Australiani ed Italiani come Marcia Hines, Simon Gallagher, Fiordaliso,Pupo, I Ricchi e Poveri, Toto Cutugno, Riccardo Fogli, i Pooh, Mario Merola, Cristian Tajoli e tanti altri. Avrà l’opportunità poi, di perfezionarsi a Londra ed infine approdare in Italia dove ha proseguito i suoi studi in pianoforte e chitarra, diplomandosi in teoria e solfeggio.

In Italia, la sua carriera discografica inizia nel 88’ e debutta, vincendo il primo premio al concorso “Rino Gaetano” con il brano ”Get Up” . Nel ’91 viene pubblicato il suo primo Album “Gisa” tutto in Inglese ovviamente per omaggiare la sua città natale fonte di ispirazione e punto di partenza per Gisella. Dopo l’esordio di “Gisa” pubblica e firma anche come autrice diverse inediti e cover ‘dance’ per la Time, Sony e Self, Emi. Inizia poi a collaborare con i nomi più prestigiosi della musica leggera italiana: Jovanotti, Anna Oxa, Gianluca Grignani, I Neri Per Caso, Pooh, Albano, Cristina D’Avena; attualmente è la personale ‘Vocal english coach’ di Ambra Angiolini, Nick the Night Fly, Laura Pausini, Toto Cutugno, I Ricchi e Poveri, Sabrina Salerno, Jo Squillo, Christian, Albano e molti altri ancora.

La cantautrice ha partecipato a vari Euro-Festival come il Golden Stague in Romania e il Golden Orpheus in Bulgaria con prestigiosi ospiti come Dionne Warwick, Kylie Minogue e Jerry Lee Lewis. In Bulgaria Gisella si e’ aggiudicata il premio della critica per la migliore interpretazione. Successivamente a queste esperienze partecipa al “Festival Italiano” a Canale 5 con Gianni Bella condotto da Mike Bongiorno e ed è finalista a “Castrocaro Terme”. Gisella inoltre, si impone grazie alle sue istintive doti di naturalezza e di straordinaria vocalità vincendo una borsa di studio alla “scuola di compositori di Mogol” come cantautrice.

Gisella poi diventa parte del mondo degli spot pubblicitari. Interpreta la maggior parte di essi in Inglese o in Italiano. Tali campagne pubblicitarie Italiane ed Internazionali diventeranno quindi degli evergreen e famosi tormentoni. Uno degli Spot più famosi è quello della Coca Cola ‘Sensazione unica’ o della ‘Coppa del Nonno’, “JOY”, (I feel good, I feel fine) , ma anche il “Tu vuo’ fa’ l’americano” dello spot “Levis” (registrato a Londra), singolo distribuito in tutto il mondo dalla BMG e Poste italiane ancora in onda tutt’oggi. Altri ancora come Mercedes, Saratoga, Nutella, Kinder, Twinings, Cameo ‘Ciobar’, mentre per l’Enel la voce di Gisella è stata scelta proprio dalla Signora Yoko Ono per cantare la hit di John Lennon “Power to the people”.

Un suo brano “Mountain High”, la canzone utilizzata per lo spot Tv Levissima è stata scelta per una compilation dal titolo “Les femmes”, insieme a nomi illustri tra i quali Mina, Desiree, Nina Simone ed altri. Gisella tutto oggi ha diversi spot in onda per la televisione Italiana.

Nel 2012 diventa una de ‘Le Smammas’, la girl band composta appositamente per la campagna publicitaria della Webank, un ruolo sia come cantante che come attrice.

Vocalist x trasmissioni televisive:

Per Mediaset è stata la voce ufficiale delle sigle di Mai Dire Domenica/Grande fratello affianco alla Giallapas Band, su Italia Uno per varie stagioni e partecipa come solista nel progetto e disco “Olmo & friends” con Fabio De Luigi, Maurizio Crozza, Savino Cesario, Paola Cortellesi, farà parte del concerto benefico in favore di EMERGENCY fondata da Gino Strada. Inoltre partecipa nella trasmissione di Rete 4 Testarda Io condotta da Iva Zanicchi e con la partecipazioni di tanti artisti Italiani.

30 Maggio 2012, Gisella partecipa nella trasmissione “Fardelli di Italialand” con Maurizio Crozza , in diretta su La7 al Teatro Smeraldo di Milano. Dicembre 2014 collabora con la Sony per la nuova star internazionale Meghan Trainor per la trasmissione ‘Quelli che il calcio’ su Rai due.

Autrice e interprete di Colonne Sonore:

Gisella ha anche interpretato ed è autrice di colonne sonore di film di successo come ‘L’ultimo Capodanno’ di Bertolucci interpretando “I feel love” di Donna Summer e nel film ‘A time for Dancing’di Peter Gilbert. Interpreta anche sigle Tv come Angels Friends per la versione Inglese. Per Jerry Calà firma ed è co-interprete della canzone

Living alone again’, colonna sonora del film “Torno a vivere da solo” nel 2009, con musiche di Silvio Amato e Umberto Smaila. Nel Maggio 2012 per Jerry Calà, scrive ed interpreta “Heaven & paradise” per il film

Operazione vacanze”. Recentemente Gisella è autrice di alcuni canzoni inglese per le musiche di Silvio Amato della soap televisiva Centro vetrine su canale 5; le sue canzoni saranno interpretate dalle protagoniste della soap con la supervisione e ‘english’ vocal coaching di Gisella.

Per I Neri Per Caso firma il brano Good morning Happiness insieme a Laura Pausini, Cheope e Antonio Galbiati , inserito nel loro album “Angelo Blu”. Gisella riprenderà questo brano pubblicandone una versione nuova, italo-inglese inserita nel suo album ‘This is me’ nel 2010.

Il disco di Gisella Cozzo – DOUBLE – è acquistabile su iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/double/id966946302?l=en

Sito: http://www.gisellacozzo.com/

Facebook: https://www.facebook.com/pages/Gisella-Cozzo/250390551653588

Twitter https://twitter.com/Gisellacozzo

Instragram: http://instagram.com/Gisella_Cozzo

Youtube: https://www.youtube.com/user/GisellaCozzo

Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Gisella_Cozzo

Francesca Zizzari 

Tel. 328 4161425

L’AltopArlAnte – www.laltoparlante.it

PromoRadio ||| PromoVideo ||| PromoStampa&Web

A PIEDI NUDI è il nuovo singolo del giovane cantautore siciliano VINCENZO ZOCCO

Il testo della canzone descrive la libertà e l’energia rinnovatrice che un amore vissuto con semplicità può dare.

Sentire le sensazioni a piedi scalzi, mettere a nudo le proprie emozioni, è proprio questo l’obbiettivo del brano, arrivare al cuore della gente raccontando se stessi attraverso paure e incertezze. 

Il singolo è contenuto nell’ep dal titolo “Vincenzo Zocco” di cui faranno parte 7 tracce .

Ora vivo così” , “Ogni volta che vai via” sono gli altri due singoli estratti oltre al nuovo “A piedi nudi”.

Il disco oltre ai brani scritti e composti da Vincenzo, conterrà due cover totalmente rivisitate sia a livello musicale che testuale e rappresenteranno un elemento aggiuntivo di rilevante importanza.

Il progetto affronta diverse tematiche, dalla graduale maturità dell’amore adolescenziale all’amore vissuto a distanza, dalla passione per la musica alla necessità di raccontare e raccontarsi.

Proprio in questo periodo si stanno ultimando e definendo i brani che ne faranno parte, tante sorprese verranno svelate al momento della sua pubblicazione.

BIO

Vincenzo Zocco è un giovane cantautore siciliano. L’incalzante passione per la musica, scoperta all’età di appena 4 anni, rappresenta il filo conduttore di tutta la sua espressione artistica che lo ha profondamente segnato fino ad oggi. La sua carriera musicale annovera già numerosi e importanti riconoscimenti di carattere regionale e nazionale, nel 2010 dalla regione Calabria gli viene attribuito il riconoscimento “Talento dell’anno”, sempre lo stesso hanno prende parte al progetto Telethon. Nel 2011 realizza un concerto a scopo benefico al teatro Ariston di Mantova, ma la vera e propria svolta avviene nel 2012, con il suo primo singolo “Ora Vivo Così’’ partecipando a diverse trasmissioni televisive tra cui “Insieme’’ il singolo ha gli ha permesso inoltre di esibirsi in moltissime piazze siciliane. Nel 2013 esce il secondo singolo “Ogni volta che vai via’’, in cui Vincenzo sottolinea la volontà di raccontare e di raccontarsi attraverso musica e parole, un connubio eccelso capace di regalare esclusive emozioni, lo stesso anno prende parte al “Radio Cuore Tour” accanto a importanti nomi tra cui Marco Masini e Mariella Nava. Giugno 2014 esce il nuovo singolo “A piedi nudi” tratto dal disco “Vincenzo Zocco” in uscita prossimamente, un testo semplice ed intenso che arriva dritto al cuore, una forte maturità artistica riscontrata in questo brano ha fatto si che il giovane cantautore aprisse i concerti di Fausto Leali e Irene Fornaciari. I temi che il cantautore affronta, riportano il potente strumento espressivo rappresentato dalla musica, ad un livello di efficace condivisione, motivo per cui viene apprezzata non solo la musicalità dei testi ma anche il loro semplice e sincero significato. Una carriera nata da non troppo tempo, ma dai profili ben definiti, che marcano la peculiarità artistica e personale definendone la singolarità vocale ed espressiva.

Sito http://www.vincenzozocco.com/

Facebook https://www.facebook.com/VincenzoZoccoPaginaUfficiale?ref=hl

Twitter https://twitter.com/VincenzoZocco

Instagram http://instagram.com/vincenzozocco/

Youtube https://www.youtube.com/user/VincenzoZoccoVEVO

Vevo http://www.vevo.com/artist/vincenzo-zocco

“C’É ANCORA TEMPO” è il primo singolo estratto dall’omonimo ep di VITTORIO MERLO, il cantautore-bibliotecario milanese residente da 20 anni in Lussemburgo


Il brano come il disco, invita a riprendersi il proprio tempo, a ridiventarne padroni. Una visione ottimista in un mondo che va ormai troppo di fretta.

In un periodo di crisi, per molti apparentemente senza prospettive, in cui spesso si va troppo di fretta, questo nuovo lavoro di Vittorio Merlo vuole essere un richiamo a fare due passi indietro per dedicarsi a se stessi e trovare la forza per ripartire. C’è ancora tempo per una chiacchierata ma anche per una dormita, per una passeggiata o per leggere un libro, e se guardandosi allo specchio, si scopre che non siamo quello che vorremmo, c’è ancora tempo per andare a cercare una meta perduta, per staccare una foto, per una ritirata o addirittura per rifarsi la vita. C’è ancora tempo per ogni cosa… dipende solo da noi, dal saperlo ritrovare: il tempo.

Anche nel secondo brano “Petra e il tempo”, dedicato alla figlia Petra che tra l’altro suona l’oboe nel pezzo, si parla del proprio rapporto con il tempo. Petra sin da bambina ha scelto di avere il suo di tempo e non quello imposto dagli altri. La sua calma e la sua tranquillità ci hanno insegnato a viaggiare nel tempo senza diventarne schiavi.

In questo viaggio che facciamo, possiamo anche dedicare il nostro tempo al mare, grande nostalgia di Vittorio in Lussemburgo, e farci un giro nel Mediterraneo con “Buongiorno Buonasera” il brano che Merlo ha proposto in versione solo digitale due anni fa riscuotendo molto successo in rete e nel circuito indipendente.

Sospesa nel tempo, calma e lenta, “Girasoli” chiude l’EP ancora con ottimismo, anche quando si devono affrontare momenti di sofferenza personale, alla fine: “il sole asciugherà il dolore, cresceranno nuovi girasoli”.

Questo nuovo lavoro di Vittorio Merlo è distribuito a partire dal 7 marzo su tutte le principali piattaforme musicali digitali ed è stato realizzato con la collaborazione musicale e gli arrangiamenti di Riccardo Zappa, la partecipazione di Patrick Bessire all’accordéon e di Petra Merlo all’oboe. Ogni canzone è accompagnata da un videoclip, realizzato dallo stesso Vittorio e disponibile in streaming su YouTube.

La SACEM lussemburghese (equivalente della SIAE italiana) ha riconosciuto il valore culturale del progetto con un sostegno economico e il progetto è stato anche in parte finanziato dalla raccolta fondi (crowdfunding) lanciata con successo da Vittorio Merlo su Eppela.com a fine 2014 che ha trovato diversi sostenitori in tutta Europa.

Il progetto viene presentato in anteprima europea in Lussemburgo il 7 marzo da “Culturando”, un luogo aperto di recente nel quale la cultura e il vino italiani si incontrano per soddisfare le esigenze dei tanti amanti delle nostre atmosfere nel Granducato, al centro dell’Europa, dove Vittorio vive con la sua famiglia da più di 20 anni.

Il CD sarà presentato in Italia a Milano da Eataly il 27 marzo, sul palco di quello che una volta era il Teatro Smeraldo, a due passi dal quartiere di Brera-Garibaldi, dove Vittorio è nato e cresciuto.

L’intero ep “C’è ancora tempo” è ascoltabile su soundcloud al seguente link:

https://soundcloud.com/vittorio-merlo/sets/c-ancora-tempo-vittorio-merlo

BIO

Vittorio Merlo coniuga la sua attività di bibliotecario presso la Corte di giustizia dell’Unione europea con la passione per la canzone d’autore, che lo porta a esibirsi in concerti e rassegne musicali in Italia e in Europa. Nei primi anni ’80 ha tenuto alcuni concerti a Milano e dintorni per poi trasferirsi per ragioni professionali in Lussemburgo con la sua famiglia (è sposato e ha 5 figli). Dal 1999 al 2003 Vittorio Merlo ha ottenuto un clamoroso successo su MP3.Com: le sue sono state le canzoni italiane più ascoltate del sito pioniere della musica online con oltre 250.000 ascolti. Grazie a questo successo in rete Vittorio ha pubblicato due CD che hanno avuto un buon riscontro di pubblico e critica: “Ho sognato Bruno Vespa” nel 2005 con la produzione di Vince Tempera e “Aicha.it” nel 2007 con Marco Guerzoni.

Sia la stampa nazionale che quella internazionale si è interessata del “Caso Merlo”. Nel 2012 la casa editrice austriaca Veritas ha chiesto al cantautore milanese l’autorizzazione per pubblicare la sua canzone “Ferrari”, dedicata alla Rossa di Maranello e pubblicata nel suo primo CD, in un libro di testo di italiano per le scuole superiori austriache con un CD audio allegato. Il libro è stato pubblicato in alcune migliaia di copie e ristampato più volte e il Corriere della Sera ne ha scritto in un articolo intitolato “Vittorio Merlo, cantautore da studiare”.

Nel 2013 ha pubblicato il singolo digitale “Buongiorno Buonasera” accompagnato da un secondo brano intitolato “Girasoli” entrambi realizzati in collaborazione con il chitarrista Riccardo Zappa, la canzone è stata presente per alcuni mesi nella classifica delle produzioni italiane Indie e Vittorio l’ha presentata su RaiUno a UnoMattina e in molte altre radio e televisioni nazionali ed europee.

A fine 2013, stimolato dal successo e dall’emozione suscitata nei concerti dalla sua canzone dedicata al padre e pubblicata all’interno del suo primo CD, Vittorio ha realizzato nel 2013 un videoclip di “Avrei bisogno di parlarti” e rilanciato la stessa canzone in rete con un grande consenso da parte degli internauti. Il video ha ricevuto nel 2014 diverse menzioni e riconoscimenti tra i quali la Menzione speciale al Festival del cinema di Napoli CortiSonanti consegnata personalmente a Vittorio dal sindaco della città partenopea Luigi De Magistris.

Il progetto con Riccardo Zappa continua ora nel 2015 con la realizzazione di altri due brani inediti che fanno parte, insieme alle due canzoni precedenti, del nuovo CD in uscita nel marzo 2015 intitolato “C’è ancora tempo”.

Sito web : http://vittorio.merlo.lu/

Youtube : http://www.youtube.com/user/merlovit

Facebook : http://www.facebook.com/vittorio.merlo

Deezer : http://www.deezer.com/artist/1563168

Twitter: https://twitter.com/VittorioMerlo

Spotify: https://play.spotify.com/artist/6B0r2tuJF1XQW22rIIg6Qi

Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425