Archive | May 2015

MANUEL FORESTA: IL 7 APRILE E’ USCITO IL DISCO D’ESORDIO “COLORI PRIMARI”

Guarda il videoclip ufficiale del nuovo singolo di Manuel: 

Da martedì 7 aprile è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle piattaforme streamingCOLORI PRIMARI” (Rusty Records), il primo album d’inediti del cantante salernitano MANUEL FORESTA. Il disco, prodotto da Davide Maggioni, è composto da 10 brani, tre dei quali portano la firma dello stesso Foresta che per la prima volta si svela al pubblico non solo nella sua veste di interprete ma anche come cantautore.

«COLORI PRIMARI è un mix di tinte forti e immediate – racconta Manuel – è come l’insieme di alcune impronte di un bambino che gioca con i colori in balia dell’istinto e della spontaneità. A chi lo ascolta il compito di mescolare questi colori tra loro, e leggervi istintivamente dentro ciò che vuole e sente.»

Dopo il successo riscontrato al MEMO Restaurant di Milano, in cui l’artista salernitano ha presentato live in anteprima alcuni dei brani estratti da “Colori Primari”, Manuel presenterà live il suo nuovo album il 25 aprile al MARTE MEDIATECA di Cava de’ Tirreni – Salerno (Corso Umberto I 137 – inizio evento ore 19.00) e il 26 aprile al TESLA SCIENCE BAR di Montelupo Fiorentino – Firenze (Galleria Garibaldi – inizio spettacolo ore 21.00).

Per l’occasione l’artista si esibirà dal vivo accompagnato da Nicola Nite (chitarra e pianoforte), Massimo Severo (chitarra), Davide Maggioni (chitarra acustica), Ezio Rossi (basso) e Michele Montresor (batteria). Inoltre, durante le serate, Manuel indosserà degli abiti firmati Hydrogen (Hydrogen.it).

Manuel Foresta, nato a Salerno, inizia a studiare canto leggero appena adolescente. Nel 2012, Manuel partecipa alla prima edizione del talent show di Rai2 “The Voice of Italy” arrivando, grazie al voto del pubblico, alla soglia della semifinale come unico interprete maschile nel team di Raffaella Carrà. Il suo inedito di debutto “Déjà vu”, presentato durante il talent, arriva in vetta alla classifica singoli di iTunes. Sulla scia di questo successo, Manuel inizia un tour estivo in giro per l’Italia e partecipa come ospite a varie manifestazioni tra cui il Premio Lunezia, il Giffoni Film Festival e Buon Compleanno Mimì. Sempre durante l’estate del 2012, Manuel Foresta apre, con la sua band, i concerti di alcuni tra i più importanti nomi del panorama artistico italiano: Malika Ayane, Alex Britti, Raphael Gualazzi, Simona Molinari. Con il brano “Quello che sono” Manuel entra a far parte dei 60 finalisti in gara per la sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2014, ma il brano diventa ben presto uno dei favoriti dal pubblico, che lo premia sul sito della Rai attribuendogli il 2° posto per numero di visualizzazioni e commenti.

Nella primavera del 2014 Manuel Foresta apre i concerti di Renzo Rubino, che gira l’Italia con il suo “Secondo Rubino Tour”. Da Maggio 2014 Manuel entro nella scuderia della Rusty Records pubblicando il primo singolo con l’etichetta milanese dal titolo: “Se fossi ancora qui”. Per il secondo anno consecutivo entra nella rosa dei 60 finalisti per le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2015 e per la seconda volta, pur essendo tra i favoriti, sfiora di pochissimo la partecipazione alla Kermesse Sanremese. L’esclusione dalla manifestazione canora non gli impedisce di regalare al pubblico il brano con cui ha partecipato alle selezioni del Festival e pubblica il suo secondo singolo “Li chiameremo sogni”, estratto dal suo primo album “Colori Primari” in uscita ad aprile 2015.

www.facebook.com/ManuelForesta?fref=ts https://twitter.com/ManuelForesta https://instagram.com/_maruel_/

Milano, 2 aprile 2015

Ufficio Stampa: Parole & Dintorni – Tatiana Lo Faro (02.20404727 – tatianalf@paroleedintorni.it)

Ufficio Promozione Radio/TV: L’AltopArlAnte (Cristina Poletti – 338.5224133 – cristina@laltoparlante.it)

Rusty Records: 02.36693992 – info@rustyrecords.net

Advertisements

“TUTTO QUELLO CHE HO”: il nuovo singolo del rapper MR.RAIN dal suo album MEMORIES

Una canzone d’amore con la possibilità di “tornare indietro nel tempo” e cambiare le cose, con la consapevolezza che non sempre la “ragione” riesce a dominare i sentimenti.

Il brano fa parte dell’album “Memories”, titolo emblematico in quanto ognuna delle 16 tracce che lo compongono fa riferimento ad una situazione realmente successa nella vita dell’artista, in questo modo con ogni pezzo Mr.Rain ha cercato di ricreare un piccolo libro dei ricordi.

Il disco è stato realizzato in soli 3 mesi ed è tutto autoprodotto (eccetto due canzoni prodotte da Ferry, il dj di Mr.Rain), liriche, basi musicali, compreso il video e sono stati utilizzati strumenti realmente suonati uscendo dai soliti canoni (strumentali con sample e campionamenti).

Guarda qui il video di “Tutto quello che ho”: 

BIO

Mattia Balardi, o meglio conosciuto come Mr.Rain, è un rapper e beatmaker italiano. Nato a Desenzano del Garda il 19 novembre 1991. Mr.Rain si appassiona alla musica a 16 anni ascoltando i pezzi di Eminem, uno degli artisti di maggior successo della scena hip hop e rap degli anni 2000, fino a quando decide di scrivere qualcosa di personale nel 2009, prendendo il nome di Mr.Rain/Rainman.

Nel 2011 ha realizzato e pubblicato Time 2 Eat, il suo primo mixtape che riscuote in poco tempo grande successo a livello nazionale. Nel 2013, dopo essere stato ripescato per l’entrata diretta, per vari motivi legati al programma, rifiutò la partecipazione al talent show più noto d’Italia : X-Factor.

A gennaio 2014 inizia la prima tour ufficiale di 20 date in quasi tutta Italia che permette al giovanissimo rapper di espandere la sua musica nelle più grandi città italiane, partendo da Brescia e chiudendo la lunga serie di concerti proprio nella capitale, Roma.

Mr Rain oltre a esibirsi nelle più grandi città d’Italia, ha aperto concerti di artisti ben noti come Vacca( con cui è uscito il feat “Make money”), Salmo, Fedez, Emis Killa, Fabri Fibra, Toots and the Maytals, Babaman, Bassi Maestro, Two Fingerz, Mondo Marcio, Brusco, Gemitaiz, Madman e Dargen D’amico. Con l’uscita del nuovo video (Grazie a me), ha annunciato l’uscita del suo primo disco ufficiale “Memories”, interamente autoprodotto con la partecipazione di Dj Ferry, che vedrà luce ad aprile 2015.

Sito web: www.mrrain.it

Facebook: facebook.com/MRRAINOFFICIAL

Youtube Channel: youtube.com/fratellorain

Twitter: twitter.com/mrrainofficial

Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425

“Io e Te”: i Buio Pesto, la famosa band dialettale genovese, all’assalto del mercato musicale nazionale

buio_pesto_io_e_te.jpg___th_320_0

Esce in download digitale il singolo già un successo nell’estate 2014 in Liguria. Una stramba dichiarazione d’amore nello stile inconfondibile del gruppo!

Dopo 20 anni di onorata carriera musicale made in Zena i Buio Pesto puntano al mercato musicale nazionale lanciando un singolo estratto dal loro ultimo album, “Buio Pesto”, uscito nel 2014. Cantata in italiano, “Io e Te” è un’incalzante dichiarazione d’amore in chiave pop-dance che elenca tutte le coppie di persone o di oggetti che nell’immaginario collettivo sono inscindibili: pari e dispari, cane e gatto, inferno e paradiso, nord e sud, ma anche Ric e Gian, Ale e Franz, Batman e Robin, Tom e Gerry, Renzo e Lucia, Mork e Mindy, il gatto e la volpe, Sandra e Raimondo… e via elencando, per concludere con “io e te”: nulla di più significativo da dichiarare al proprio partner!

Il videoclip del brano, che ha già raggiunto le 20.000 visualizzazioni su Youtube, mostra un divertente balletto, che accompagna tutte le “coppie” citate. Qui il video: http://goo.gl/uy7dVZ .

La pubblicazione di questo singolo è il preludio di un’iperbolica impresa di portata internazionale che i Buio Pesto tenteranno nei prossimi mesi. Se riusciranno nel loro intento il loro nome e le loro canzoni avranno in breve tempo una grande risonanza mondiale.

Io e te” è pubblicato dalla casa discografica indipendente Rusty Records (etichetta gestita da Rugginenti Editore) già vincitrice del Festival di Sanremo 2013, nella sezione giovani, con Antonio Maggio. In quell’occasione l’orchestra fu diretta dal leader dei Buio Pesto, Massimo Morini, (che ha partecipato a 25 edizioni consecutive del Festival di Sanremo, vincendone ben 7), il quale cantò anche una parte di ritornello con uno speciale archetto mentre dirigeva l’orchestra.

Il singolo, distribuito da Believe Digital, è disponibile sui principali digital store: iTunes, Amazon, Spotify ed altri.

BIO

I Buio Pesto sono la più grande e divertente band dialettale ligure degli ultimi 20 anni. Dal 1995 ad oggi hanno venduto 86.000 dischi (Disco d’Oro alla carriera), hanno eseguito 800 concerti in 20 tour estivi, per un pubblico di oltre 1.250.000 persone e raccogliendo oltre 200.000 euro per beneficenza. Nel 2003 e nel 2007 si sono addirittura tenuti due loro concerti allo stadio Luigi Ferraris di Marassi, a Genova.

I dieci album pubblicati: Belinlandia, Cosmolandia, Colombo,Paganini, Basilico, Palanche, Liguria, Pesto, Zeneize e Buio Pesto, si sono piazzati nei primi dieci posti della classifica di vendite in Liguria degli ultimi 20 anni e quarti assoluti nella storia della musica genovese. Il gruppo è formato da Massimo Morini (voce e tastiere), Gianni Casella (voce), Federica Saba (voce), Giorgia Vassallo (voce), Nino Cancilla (basso), Davide Ageno (chitarra), Danilo Straulino (batteria), Maurizio Borzone (violino e tastiere), Massimo Bosso (cori), il quale è anche produttore e co-autore dei testi.

Il primo CD “Belinlandia” (1995), in seguito al grande successo regionale, fu ripubblicato e distribuito da Sony Music nel 1996.

Sono stati protagonisti o co-protagonisti di 6 film di caratura nazionale (di cui 5 diretti da Morini), di cui uno co-prodotto da Rai Cinema e due teletrasmessi da Rai Due nel 2013 e una serie TV prodotta da Sky nel 2007. Vincitori di numerosi premi e riconoscimenti, nel 2014 sono stati insigniti della Medaglia del Presidente della Repubblica per l’impegno sociale.

I Buio Pesto hanno duettato, nei loro CD, con i seguenti artisti nazionali: Marco Masini, Povia, Mietta, Simone Cristicchi, Enrico Ruggeri, Antonio Maggio ed Elio e le Storie Tese (tranne l’ultimo, tutti vincitori del Festival di Sanremo). Ed hanno duettato dal vivo, oltre ai suddetti, con Giusy Ferreri e Francesco Baccini. Nei loro film hanno recitato, oltre a quasi tutti i sopraddetti, tra gli altri, anche: Max Gazzè, Ale & Franz, Massimo Ranieri, Giorgio Faletti, Dario Vergassola, Paolo Villaggio, il Gabibbo, il Mago Forest, i Matia Bazar.

Sito web

www.buiopesto.ge

Facebook

https://www.facebook.com/buiopestoge
https://www.facebook.com/groups/20094808391
https://www.facebook.com/groups/131311690393521
https://www.facebook.com/groups/69021921773
https://www.facebook.com/groups/49511793405
https://www.facebook.com/groups/320527971337133

Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425

ALESSIA LUCHE: “TALENT SHOW” è il suo album d’esordio

Il disco prodotto dall’etichetta Bazee, mette in evidenza le doti interpretative della giovanissima Alessia, capace di presentarsi al pubblico in modo sorprendente con un prodotto pop sofisticato e mai banale.

Dopo gli ottimi risultati ottenuti lo scorso autunno con il singolo d’esordio Amori Imperfetti, entrato nella top 50 della classifica Indie Music Like (la playlist di gradimento delle indipendenti preferite da radio e new media), la giovanissima interprete brianzola Alessia Luche è ora pronta a debuttare con il suo primo album completo.

Al suo interno 10 brani, che spaziano dal funky al jazz, di cui nove inediti in italiano e un’intrigante cover della celebre “At Last”, registrata ad Amsterdam in coppia con la talentuosa cantante ungherese Erika Kertesz.

Tutti e 9 i testi delle canzoni inedite sono stati firmati dal produttore esecutivo dell’album, Eugenio Ciuccetti, mentre le musiche portano la firma di Raffaele Rinciari, Gianluca Borgogno, Francesco Albini, Davide Perra e Gianni Salis. Di Rinciari e Perra sono anche gli arrangiamenti.

L’uscita dell’album sarà inoltre accompagnata da quella di due videoclip: quello del brano Trasformazioni di me (realizzato da Jenny Arte Video di Padova) e quello di At Last, girato presso lo studio di registrazione Key Element di Amsterdam (con la regia dell’olandese Remi Schouten).

BIO

Nata a Monza, Alessia si avvicina giovanissima al mondo della musica partecipando a vari concorsi locali con buoni risultati; nel 2003 arriva alla fase finale dello Zecchino d’oro. Partecipa poi al progetto Jam n’dreams contro il bullismo. Continua ad ottenere ottimi risultati in diversi concorsi canori fino al 2011, anno in cui è vincitrice del Cantabrianza.
Il 2012 e 2013 la vedono impegnata nelle selezioni di Amici di Maria De Filippi arrivando alla puntata televisiva della formazione della classe. Nel 2013 partecipa anche al concorso Milano Teatro in Festival del quale è vincitrice.
Nel 2014 inizia il suo percorso discografico con Bazee, opportunità che tra l’altro le consente di girare a Parigi il video del suo primo singolo, 
Amori Imperfetti, con il regista Enrico Bartolucci. Contemporaneamente si reca ad Amsterdam per una serie di esperienze musicali, tra cui uno stage con la cantante jazz Erika Kertesz.
L’autunno, grazie alla collaborazione con l’ufficio stampa L’altoparlante, vede Alessia impegnata nel radio tour di promozione del suo singolo d’esordio che, settimana dopo settimana, conquista posizioni nella classifica Indie Music Like (la playlist di gradimento delle indipendenti preferite da radio e new media). Il 17 dicembre Amori Imperfetti entrerà per la prima volta nella elite delle prime 50 posizioni conquistando il quarantanovesimo posto.
Il 7 dicembre, inoltre, Alessia si esibisce live a Milano sul palco Smeraldo di Eataly in occasione della giornata musicale organizzata per celebrare i 20 anni di attività del MEI (meeting delle etichette indipendenti).

Ad aprile 2015, infine, l’uscita del suo primo album completo dal titolo Talent Show (sempre per l’etichetta Bazee), preceduto dal singolo Trasformazioni di me e dal relativo videoclip.

Etichetta: Bazee (www.bazee.it)

www.alessialuche.itwww.facebook.com/alessia.luchewww.youtube.com/user/alessialuche

Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425

“PARLA PIÙ FORTE” è IL NUOVO DISCO DI JOVINE IN VENDITA DAL 10 MARZO 2015

Il settimo disco di JOVINE “Parla Più Forte” supera i confini del reggae e abbraccia nuovi stili e sonorità: dal rock al funky, dal pop all’hip-hop, con ospiti-fratelli come Zulù, Clementino e molti altri


​ 

Annunciato già in autunno con l’ultima canzone della tracklistSuperficiale” diffusa in anteprima, “PARLA PIÙ FORTE” è il settimo album di JOVINE, in vendita dal 10 marzo 2015 in tutti i negozi con distribuzione Artist First. Le 13 tracce sono nate lungo il viaggio musicale di un artista costantemente in tour, tra palchi, club, teatri e tv

JOVINE – tra i più amati concorrenti della scorsa edizione di The Voice of Italy in squadra con J-Ax – ha attinto così le sue migliori idee musicali, trasformandole in immagini, storie e motivi orecchiabili da cantare forte, proprio guardando alla realtà in movimento, alla strada reale in cui tutti viviamo ogni giorno, tra alti e bassi, buchi e dossi, incontrando e osservando gli altri e se stessi da dentro una scatola a schermo piatto, ma anche dall’oblò di un furgone che attraversa il Paese per un’autentica esigenza di comunicare.

Per l’artista partenopeo che si vinca o si perda in un reality show, poco conta: the show must go on e l’importante è non rimanerci incastrato dentro, ma “viverci sopra”, senza essere schiacciati sotto la superficialità di una visibilità apparente. Tutto questo JOVINE lo canta forte nel nuovo incalzante singolo “Vivo in un Reality Show”, estratto da “PARLA PIÙ FORTE”.

PARLA PIÙ FORTE” è la prova di come si possano intrecciare insieme strade diverse, stili tradizionali e sonorità sperimentali, per creare nuove canzoni condivise con fratelli di musica con cui JOVINE collabora da anni, come O’ Zulù e Dope One, Nto’ (ex Co’Sang). Con Clementino nasce la canzone che dà il titolo all’album e per la prima volta si realizzano duetti con voci femminili:  Carolina Russi Pettinelli e Benedetta Valanzano, con la splendida partecipazione della Pankina Krew. I musicisti sono tutti di origine napoletana di altissimo livello, da Giulio Martino a Lino Pariota, Marco Spedaliere e JRM. “PARLA PIÙ FORTE” non è soltanto un album reggae, ma è il mix di tutto quello cha la famiglia di JOVINE ha sempre amato ascoltare e suonare, unito con tante nuove sonorità, per diventare disco pop, con suoni rock, dub step, R’n’B, hip-hop, funky e naturalmente reggae.

“Quando si comincia a fare musica, si intraprende un viaggio quasi inconsapevolmente e si tira fuori tutto ciò che si ha per farsi ascoltare. Poi la vita ti mette di fronte a scelte da fare. Molti smettono di fare musica, altri decidono di intraprendere una vita più sicura: io ho scelto a vent’anni di fare questo e mi ritrovo oggi come fosse ogni giorno il primo, con la stessa voglia di tirare fuori tutto quello che ho. Questa volta, però, ho la consapevolezza di chi sa di essere quasi arrivato alla metà del viaggio” (Valerio Jovine).

Biografia

L’avventura musicale di JOVINE nasce nel 1998 dal progetto di Valerio Jovine, in collaborazione con il fratello Massimo “JRM” dei 99 POSSE. Quando intraprende il suo viaggio nel mondo della musica, Valerio è un cantautore che dispone esclusivamente di un umile bagaglio, pieno di ambizione, grinta e sogni da realizzare, che si arricchisce passo dopo passo di preziose esperienze, grazie alla cooperazione con grandi musicisti. “CONTAGIATO” (BMG) è il titolo del primo album prodotto nel 2000. Valerio è giovanissimo e, dopo una lunga gavetta nei “peggiori” locali di Napoli (città in cui è nato e cresciuto, e che gli sussurra incessantemente ispirazioni ed emozioni da convertire in musica), muove i primi fermi passi su quell’affascinante pianeta in cui regnano melodie e note, ritrovandosi presto in tour con i Simple Minds. Passano gli anni e Valerio affina ulteriormente la sua anima artistica, avvicinandosi a quella Reggae Music che diventerà poi la cifra stilistica, nel quale il suo modo di “fare musica” troverà la più sopraffina, esaustiva ed appagante forma ed espressione. Nel frattempo il progetto JOVINE cresce e oltrepassa la dimensione individuale di Valerio, grazie alla nascita di collaborazioni con altri musicisti che andranno poi a costituire la formazione attuale: Alessandro Aspide (basso), Michele Acanfora (tromba), Guido Amalfitano (batteria) e Paolo Bianconcini (percussioni). Nel 2001, il cocktail finale del mix di emozioni riconducibili alla sfera personale di Valerio, miscelate a quelle sortite da quanto accaduto durante il G8 di Genova, si traduce in un nuovo album, frutto dell’ennesima partecipazione creativa con i suoi musicisti, e che rappresenta il preludio di quell’affiatata complicità destinata a consolidarsi nel tempo. Distribuito da Il Manifesto nel 2004 esce “ORA“. L’album contiene brani come “L’Immenso” e “C.C.C.“, apprezzatissimi dal pubblico italiano, e poi “Ci Sono Giorni“, che racconta, per l’appunto, i giorni di Genova percepiti con gli occhi di chi sognava semplicemente un mondo migliore. L’anno successivo l’insaziabile desiderio di procreare musica, induce Valerio e la sua band a riunirsi nuovamente: realizzano, così, l’album “SENZA LIMITI” (prodotto da Rai Trade), in cui brani scritti in dialetto – quali “O’Reggae e Maradona” e ” Da sud a Sud” – rimarcano il profondo attaccamento degli JOVINE alla propria terra, concorrendo ad accrescere sensibilmente la notorietà della band partenopea, della quale “No Time” diventa l’inno indiscusso. Supportati e legittimati da quell’esponenziale ascesa di consensi, gli JOVINE conquistano un posto privilegiato nell’Olimpo degli dei della musica targata “Made in Naples”. Nel 2008 è la volta dell’album “In viaggio”: il primo album live che raccoglie i classici del repertorio della band, due inediti e due cover d’eccezione rivisitate con grande divertissement d’arrangiamento. Dopo un lungo tour in giro per l’Italia, nel 2010 è la volta dell’album “IL MONDO È FUORI“, autoprodotto e autodistribuito, all’interno del quale sono incastonate 13 tracce dalla natura profondamente reggae, ulteriormente impreziosite da numerose collaborazioni con personaggi della scena Urban, quali: Cico, Jah Sazzah e Don Skal degli Aretuska, O’Zulu’ dei 99 Posse, Speaker Cenzou e Cor Veleno. Dopo due tour, di cui uno insieme a Zulù, nasce una duplice collaborazione con il cantante dei 99 Posse: nel 2010 infatti Valerio entra a far parte, come seconda voce, della nuova formazione live dei 99 Posse, tornati dopo dieci anni sulla scena musicale con il loro ultimo album “Cattivi Guagliuni”, alla cui realizzazione Valerio collabora ampiamente. Nel 2012 gli JOVINE realizzano l’album “SEI”, il cui titolo preannuncia, demarca e sottolinea il conseguimento di un traguardo significativo, umano ed artistico: i “SEI” membri della band sono, infatti, giunti alla realizzazione del loro sesto disco, il quale agglomera le esperienze vissute, lasciando traspirare l’emozione che scaturisce dall’avventura musicale che li ha condotti fin lì. Un album che è figlio del connubio perfetto e armonico tra gli aspetti che inaspriscono il quotidiano e quelli più felici e genuini che di contro colorano l’esistenza; 12 tracce condite da un giusto mix di italiano e napoletano, nei quali si alternano i flow più lievi e scorrevoli a vere e proprie cantate rap, nei quali convergono sonorità diverse, come il reggae, il jazz, il dub più elettronico e, talvolta, anche accenni di pop. Gli JOVINE si avvalgono, inoltre, di featuring di tutto rispetto: O’ Zulu, Kaya Pezz8 e Jrm, tutti componenti dei 99 Posse, Dope One dei Freestyle ConceptDj Uncino e Speaker Cenzou. All’interno del disco sono contenuti brani che riscuotono buoni consensi, quali “Canto” e “La rivoluzione”, mentre il video della canzone “Me’ so’ scetat’ e tre” realizzato in collaborazione con i comici di “Made in Sud” rilancia l’ingegnosa e propositiva verve della band, evidenziando la fervida malleabilità della loro stessa anima musicale. Tuttavia, “SEI” è soprattutto l’album che include “Napulitan’”: brano diventato ben presto uno degli indiscussi cavalli di battaglia degli JOVINE, abile nel coinvolgere, infervorare, trascinare e ammaliare cuori ed orecchie ubicati in tutto il mondo, autoproclamandosi il più sincero e moderno “inno alla napoletanità” e che inequivocabilmente rimarca lo spirito d’appartenenza della band. Nell’aprile del 2014 Valerio pratica una scelta tanto coraggiosa quanto lungimirante, partecipando al talent show televisivo di Rai Due “The Voice of Italy”. Superate le blind auditions ed entrato a far parte del Team J-AX, Valerio ha avuto modo non solo di dare libero e totale sfogo alla sua poliedrica e versatile anima artistica, dimostrando di essere un carismatico e scaltro “animale da palcoscenico”, ma – aspetto ancor più rilevante – è riuscito a portare la Musica Reggae in tv, consentendo alla più ampia fetta di pubblico, della quale poteva auspicare di disporre, di comprendere che il suddetto genere musicale è tutt’altro che uno stile destinato ad un gramo pubblico di nicchia. Complici, in tal senso, le sublimi e coinvolgenti esibizioni di Valerio, all’interno delle quali ha saputo sagacemente rimpastare i brani più disparati del repertorio musicale italiano e internazionale, cucendogli addosso il suo inconfondibile “Reggae Style”. Canzoni come “Like a Virgin”, “Il cielo in una stanza” e “Una carezza in un pugno” hanno riscosso sensibili e copiosi consensi, da parte della critica e del pubblico, i quali all’unanimità lo hanno consacrato artista di fama nazionale. IL 10 MARZO 2015 ESCE “PARLA PIU’ FORTE”, settimo disco di JOVINE, promosso attraverso la canzone “Vivo in un reality show”, manifesto che esorta a sopravvivere alla fine apparente di ogni spettacolo, perché la vita in fondo è uno show infinito e reale che deve andare comunque avanti!

CONTATTI & SOCIAL:

Web site: www.jovine.it | Facebook: https://www.facebook.com/jovineofficial | Instagram: http://instagram.com/vjovine | Twitter: https://twitter.com/ValerioJovine | You Tube: https://www.youtube.com/channel/UCbhWQIY_I6VM_gc61v59klg

Management e booking: claudia@mutart.it

Ufficio stampa: L’AltopArlAnte di Fabio Gallo in collaborazione con Pixie Promotion di Raffaella Tenaglia

GANTCHO: le mode musicali del momento si uniscono per dare vita a quello che si preannuncia come il brano più geniale dell’anno, la liric-rap-dance hit I WANNA FALL IN LOVE AGAIN.

L’estroso cantante pop-lirico stravolge la forma canzone, insieme al giovanissimo rapper Face Pimp e a Dj Twenty. Un singolo che scatena la voglia di ballare come in un travolgente “road party”, quello che lo accompagna nel videoclip per la regia di Maurizio Ghiotti.

Il video del nuovo singolo nel quale duettano il cantante lirico Gantcho ed il rapper Milanese Face Pimp “I wanna fall in Love Again” è diretto dal regista torinese Maurizio Ghiotti ed è ideato come un Road Party. L’idea di volersi innamorare di nuovo, di ricominciare a vivere e di ripartire viene espressa come un Joy Ride, organizzato da Gantcho, Face Pimp e DJ Twenty (autore dell’arrangiamento) su un enorme TIR con piattaforma aperta con a bordo la strumentazione musicale sul quale vengono invitati tutti gli amici per fare festa. Face Pimp e Gantcho guidano la festa (oltre che il camion!) cercando di coinvolgere tutto il mondo nel loro delirio musicale. 

Che cosa succede quando si incontrano un cantante lirico con preparazione classica ed un DJ di musica progressive House, HipHop e Rap? Il risultato è “FREEDOM” il nuovo album del cantante Pop Opera Gantcho, prodotto insieme al DJ Italiano Twenty aka TwoZero e contenente 7 brani inediti più due bonus track esclusive (in totale 9). “FREEDOM” nasce dall’idea del melting pot di stili apparentemente diversi. La chiave di lettura è nella totale libertà di espressione musicale, che porta alla libertà di creare delle sonorità nuove, originali e sorprendenti! La libertà di essere se stessi per poter valorizzare l’individualità e lo stile del singolo artista. Nel mixare l’impossibile si riesce a rompere gli schemi e ad aprire la strada ad un entusiasmo coinvolgente che sbandiera l’idea del Tutto è Possibile. Di conseguenza l’album contiene due duetti esclusivi : “I Wanna Fall In Love Again” con il rapper milanese Face Pimp e la ballata R&B style “Meet Me Across the River” insieme alla cantante danese Sanne Gottlieb. Oltre al singolo pilota “Get Out of My Head“, che nel 2014 era già entrato nella Top 30 dei singoli in Italia. Inoltre, l’omonimo brano  “Freedom” è l’epica dichiarazione di partecipazione di DJ Twenty e Gantcho all’Eurovision Festival in Svezia 2015. E se non dovesse bastare, sono stati inserite due bonus track esclusive, una delle quali è il remix di DJ Twenty del brano “Divine” con cui Gantcho  ha partecipato alle selezioni per l’Eurovision Festival in Svizzera lo scorso anno.      

BIO

Gantcho Boyadjiev nasce a Sofia , Bulgaria nel 1971 e sin dall´infanzia sviluppa la sua passione per la musica, che in seguito si evolverà in occupazione professionale. A nove anni inizia a prendere parte a diversi corsi e lezioni di musica, solfeggio e pianoforte ed a partecipare in esibizioni pubbliche di diversi cori. A 18 anni, Gantcho studia già canto lirico con vari maestri dell’ Opera di Sofia.

Le sue prime esperienze internazionali avvengono a Parigi e ad Aix-en-Provence (Francia), dove vive nel periodo 1990-1991. Lo studio all’ Istituto per studenti stranieri (Aix-en-Provence) e l´occasione di frequentare il festival musicale di Aix-en-Provence, contribuiscono moltissimo alla sua formazione culturale ed artistica. Tra il 1991 ed il 2009, Gantcho Boyadjiev visita diversi paesi ed entra in contatto con culture e generi musicali molto diversi tra loro: Inghilterra, Francia, Spagna, Canada, USA, Svizzera, Polonia, Repubblica Ceca, Olanda, Russia, Corea del Sud, Austria, Germania, Finlandia, Svezia, Israele, Tailandia, ecc. Soggiornare per lunghi periodi di tempo in città come Londra, New York, Los Angeles, Philadelphia, Washington DC, Parigi, Barcellona, Madrid, Zurigo, Mosca, Amsterdam, ecc., lo porta ad avere nuove esperienze artistiche, che generano diversi cambiamenti nella sua visione artistica.

Dal 1992-1994 Gantcho collabora con il 1° Canale della TV Nazionale a Sofia dove sviluppa la sua abilità come autore di musica e testi di canzoni di genere Pop.

Oltre all´educazione musicale Gantcho si laurea in Ingegneria Chimica all’ Università Tecnologica di Sofia e parla correntemente Inglese, Francese, Italiano e Russo.

Nel 1995 Gantcho Boyadjiev si stabilisce in Italia e da allora risiede permanentemente a Milano. Studia canto lirico, tecnica vocale e repertorio operistico per cinque anni in diverse scuole private a Milano e con diversi maestri , tra i quali Giuliette Bisazza. Preziosissimi anche i contatti con il M° Carlo Bergonzi . Perfeziona la sua tecnica vocale da tenore drammatico con la Sig.ra Ghena Dimitrova con la quale rimane a studiare per quattro anni tra Monte Carlo, Verona, Genova e Milano. Nel 1999 Gantcho debutta al festival estivo di Roma nella produzione per giovani cantanti dell`opera “Don Giovanni” di Mozart. Nella stagione teatrale 2002-2003 partecipa nella produzione congiunta del Teatro “Dante Alighieri” di Ravenna e del Teatro “Del Giglio” di Lucca dell’ opera di Benjamin Britten “Il Piccolo Spazzacamino”. Nell’ arco degli ultimi anni Gantcho partecipa a numerosi eventi musicali, concerti ed esibizioni pubbliche, e a diversi concorsi, tra i quali il concorso della RAI “Maria Callas”, “Giuseppe Verdi” di Bussetto, “Iris Adami Corradetti” di Padova, “R. Zandonai” di Riva del Garda etc.   

Dopo una breve pausa dall’attività concertistica, Gantcho Boyadjiev ora si dedica alla composizione di musica d’autore cercando di fondere la voce d’opera con un sound puramente elettronico, più innovativo e contemporaneo. Collabora con diversi musicisti e DJ di Milano, Los Angeles, Londra, Mosca e Sofia, da cui trae ispirazione nel cercare di abbinare un sound di voce con impostazione classica, con una base musicale moderna che varia dalla House alla Techno, dal Trance al R&B.

Dalla collaborazione con il compositore Boris Chakarov nasce il progetto dell’album “Music is the Answer” (2011), registrato tra Milano e Sofia ed integralmente prodotto da Gantcho.

Etichetta GanRecords

Sito web www.gantcho.net

Sito etichetta www.ganrecords.com/

Youtube www.youtube.com/user/GANTCHOMUSIC

Facebook www.facebook.com/GantchoMusic

Twitter twitter.com/GantchoArt

HOLDEN É IL SINGOLO DI ANDREA MAESTRELLI VINCITORE DEL PREMIO LUNEZIA

Dal celebre romanzo di Salinger, un brano che parla di amore ma anche della società, con gli occhi di un giovane ragazzo

«Holden l’ho scritta dopo aver letto Il Giovane Holden di Salinger, un libro che mi ha ispirato a tal punto che è entrato nello stato d’animo di quel periodo, “scappo via da me, lasciando tutte le preoccupazioni, lavoro, gli amori i dottori, avrei voluto andare via da tutto. “Ma dimmi se, la crisi globale mi farà male?”. » Andrea Maestrelli

Con la leggerezza della sua musica è nata questa canzone, che ha portato Andrea a fuggire con i suoi pensieri dove non avrebbe mai potuto realmente andare. Riuscire a vivere di sole poche priorità, stufo delle solite abitudini e della routine.

Il pezzo è stato scritto da Andrea Maestrelli insieme con Remo Morchi e Davide Maggioni.

Il singolo fa parte dell’album d’esordio del giovane cantautore, dal titolo È Arrivato Remo. È il proseguimento di un lavoro iniziato con il suo primo brano scritto, “Come nel ’53”, fatto di pezzi di parole, immagini, parole lette ma mai raccontate, insomma tutto il suo vissuto. Tutte le canzoni hanno un significato autobiografico. Nei 12 brani Andrea Maestrelli ha cercato di raccontare in modo semplice, sereno e diretto il suo vedere la vita e tutto ciò che lo circonda. Con questo lavoro dice di aver raggiunto la sua dimensione artistica trovando il giusto equilibrio tra i brani. Il genere musicale è un pop d’autore che si rifà al cantautorato italiano.

Nel disco si toccano i temi classici del cantautorato, dai sentimenti veri a temi più sociali, arrivando ad esprimere un personale punto di vista con uno stile “spensierato”, cercando di essere leggero ma profondo. In sostanza è il percorso di un ragazzo 22enne che si racconta nel suo mondo, con il proprio stile attraverso le sue canzoni.  

BIO

Andrea Maestrelli nasce a Empoli (FI) il 22 ottobre del 1991.

Si appassiona alla musica fin da giovanissimo, quando frequenta l’indirizzo musicale alle Scuole Medie di Vinci (FI). A 13 anni inizia a suonare la chitarra e a comporre i primi brani musicali, mostrando un precoce talento per la scrittura.

Con il brano “Mare” partecipa a “Sanremoweb” e, nel dicembre 2010, viene selezionato tra i primi 30 giovani cantanti finalisti che verranno esaminati nel gennaio successivo a Roma dalla giuria artistica di Sanremo presieduta da Gianni Morandi.

A settembre partecipa a “Sanremo Lab”, nella città ligure, e si classifica tra i primi quaranta artisti eletti dalla giuria proponendo il suo nuovo singolo “Lascia stare” arrangiato da Davide Maggioni della Rusty Records. Con il brano “Lascia stare”, Andrea partecipa alla selezione sul web “Sanremo Social”. Nel gennaio ’12 viene inserito tra i primi 60 artisti e viene chiamato, alle audizioni finali di Roma. Nell’estate vince il premio miglior brano inedito al festival di marea di Fucecchio, con il brano “Consapevole incertezza”.

Nel 2013 viene selezionato per le finali di Sanremo con il brano “Come nel ’53” (Rusty Records).

Il 2014 è l’anno del Premio Lunezia: Andrea si aggiudica il primo posto con il brano “Holden” (Rusty Records).

Il 2015 arriva il primo album di Andrea: “E’ arrivato Remo” raccoglie 12 tra le più belle e significative canzoni del percorso del cantautore toscano.

www.andreamaestrelli.net

www.facebook.com/andreamaestrelliofficial