I sassaresi NASODOBLE tornano col nuovo singolo “Cazz boh”

Naso Doble

«Una canzone condita di riso sardonico che mette a fuoco il disastro politico, sociale, mafioso, militare e industriale della Sardegna degli anni zero» così lo spiega Alessandro Carta, autore del brano

Di questo singolo è stato girato un video a cui prendono parte alcuni tra gli artisti più amati dell’isola: Ilaria Porceddu, pianista e interprete, già protagonista nella primissima edizione di X Factor e al Festival di Sanremo 2013, il rocker Joe Perrino, leader di Joe Perrino & the Mellowtones e dell’Elefante Bianco, Beppe Dettori, ex cantante dei Tazenda e Francesco Piu, virtuoso chitarrista blues.

Cazz boh” è un video ironico, divertente e inusuale anche nella tecnica con la quale è stato girato: un virato b/n con isolamento del colore su singoli oggetti: gli occhiali del cantante, le mutandone di un chitarrista dormiente, la camicia da notte della nonna o la bocca rossa e sensuale della cantante.

Guarda qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=9wwiGEOSXWU

Il singolo fa parte del nuovo album dei Nasodoble “SeMiCerchi”: un disco discolo, intriso di una sardità che è ricerca musicale, identitaria e internazionale. Un modo per immaginare una geometria dell’esistenza, un cerchio aperto, la migliore forma, probabilmente, nella quale trovare un antidoto alla solitudine profonda in una società che sparpaglia malamente le anime, che disunisce le intenzioni sociali e comuni; ad un modello di convivenza teso alla disgregazione dei sentimenti e del coraggio di esistere, teso al miraggio estetico della perfezione delle figure chiuse, che escludono a priori. «Perché un cerchio è cerchio se sei dentro.. ma noi, che in cerchio ci balliamo da millenni, sappiamo che il cerchio perfetto è dentro e fuori, è il suo dentro e anche il suo fuori. É un posto ballabile in cui ci si può cercare e cerchiare, stringersi e aprire, parlarsi, danzarsi, girare, volarsi, condursi, accogliere un nuovo danzatore e finalmente morire. Un cerchio d’ombra, cerca l’asino che si dichiara alla sua albera, tanti cerchietti genera il sasso che cade in acqua. Cerchi in superficie che nascono dalla profondità e dall’abisso. Undici brani per cercare e cerchiare l’essenziale diversità dei tutti».

BIO

I Nasodoble nascono nel 2004 a Sassari. È un progetto che si può catalogare nei ranghi del rock d’autore ma  si caratterizza per una radicale contaminazione tra generi musicali con una grande attenzione alla creazione di un sound potente e ricco, votato al furore del ballo e del viaggio mentale.  

Una dose massiccia di suono e di suoni come vestito forsennato della poesia 

 Il gruppo è composto, da sempre, di sei elementi: Alessandro Carta, voce; Peppino Anfossi, violino elettrico; Simone Sassu, piano e tastiere; Andrea Fanciulli, chitarre; Alessandro Zolo, basso fretless, Carlo Sezzi, batteria.  

In quasi dieci anni di attività e di autoproduzione hanno prodotto due album (il secondo anche in vinile) e alcune partecipazioni in compilation.  

Nel 2009 hanno fondato la Sassari Clacson Orchestra, un’orchestra di clacson in collaborazione con la quale hanno registrato una traccia del secondo disco.   

 Il live è la cifra caratterizzante di questo progetto musicale.  È nel live infatti che credono molto, poiché è il momento della festa e del viaggio, e come tale lo intendono.  

Oltre a numerosi concerti di piazza e di club i Nasodoble hanno partecipato ad alcuni festival, tra i quali si segnalano:  

Festival Letterario Internazionale Isola delle Storie a Gavoi (Nu);  Infrarossi, spettacolo teatrale e musicale prodotto e presentato da Università La Sapienza di Roma presso Teatro Ateneo, Roma;  Festival Uanciù.. Free Jazz di San Teodoro (Nu);  Festival Jazz Villa Celimontana a Roma;  European Jazz Expò a Cagliari; Brinca Festival presso l’ Estragon di Bologna;  M.E.I. Faenza;  Festival Internazionale Teatro a Corte di Reggia di Venaria Reale a Torino.

Del 2013 è anche il primo videoclip autoprodotto (Dall’altra parte del cancello di Giorgio Gaber), con la partecipazione di Patrizio Fariselli e Michele Manca. 

Del 2014 il secondo videoclip Cazz….Boh con la partecipazione di Ilaria Porceddu, Joe Perrino, Beppe Dettori, Francesco Piu.  

In uscita il 21 marzo 2015 il nuovo lavoro discografico SeMiCerchi. 

LINE UP 

Alessandro Carta, voce;  Peppino Anfossi, violino elettrico;  Simone Sassu, piano e tastiere;  Andrea Fanciulli, chitarre;  Alessandro Zolo, basso fretless,  Carlo Sezzi, batteria. 

DISCOGRAFIA 

2005 BESTIARIO, autoprodotto 

2006 compilation PRIMOMAGGIO TUTTO L’ANNO, JAMIE  KATAWEB  AUDIOCOOP  MEI col brano “Ponente p” 

2006 compilation SONOS DE INDIPENDENTZIA, RADIO INDIPENDENTZIA col brano “Ponente p” 

2007 compilation FUORISESSIONE,  EMERGENCY  ASSOCIAZIONE SCIENZE POLITICHE SASSARI col brano “Primo pianto”  

2009 compilation AIE D’ITALIA, MEI – meeting degli indipendenti, in collaborazione con LA MUSICA NELLE AIE, ED. MUSICALI GALLETTI – BOSTON E IL MINISTERO DELLA GIOVENTÙ col brano “Duru duru della pigiatura” 

2010 PERIGOLOSI, ELICRISO MUSIC  

2011 INDIPENDENT COMPILATION, L’UNIONE SARDA col brano “Canzone per l’Ostato” 

FILMOGRAFIA 

2008 IL CARNEVALE DI DOLORES, Film documentario di CRISTINA MANTIS vincitore TEK FESTIVAL 2008 col brano “Infettiva” 

Etichetta: Tronosdigital

Sito web: www.nasodoble.com 

Facebook (profilo):  www.facebook.com/nasodoble

Facebook: www.facebook.com/nasodoble.IIwww.facebook.com/pages/Nasodoble/82789782099 

Twitter: www.twitter.com/nasodoble 

Youtube: www.youtube.com/telenasodoble

Soundcloud: www.soundcloud.com/nasodoble 

Francesca Zizzari 

francesca@laltoparlante.it – tel. 328 4161425

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: