Archive | July 2015

“CON TE” E’ IL SINGOLO D’ESORDIO DELLA GIOVANE MOLISANA CRISTINA SAMMARTINO

Il primo singolo inedito di Cristina Sammartino è un brano spensierato magistralmente eseguito con un intermezzo e un finale di chitarra elettrica.


“Con te” è un brano pop italiano dalla musicalità ritmata: un canto giocato e vario tra vocalizzi cambio di tonalità e falsetto che rendono il brano mai monotono.

Il testo racconta la storia di un amore nato durante le vacanze estive, con l’incertezza che

si farà ancora strada man mano che la bella stagione volge al termine.

BIO

Cristina Sammartino è una ragazza diciottenne che vive in una cittadina sui monti dell’appennino Molisano ai confini con il Parco Nazionale D’Abruzzo. Affronta la vita con grande impegno e serietà con ottimi risultati.

Sin dalla tenera età ha sempre coltivato la passione per il canto moderno che ha studiato assiduamente e proficuamente, supportata dai continui apprezzamenti dei maestri, esaminatori e del pubblico durante le esibizioni.

Dotata di una voce potente con timbrica soul, calda ammaliante, gioca con i vocalizzi con fluida naturalezza, riempiendo i brani di una gradevole sonorità corposa, sempre precisa, coinvolgente.

Abbraccia tutto il genere pop con grande naturalezza, ma l’ R’N’B con note di swing è la musica dove si esprime con maggiore enfasi. Negli anni ha formato il suo stile canoro interpretando cover trasferendovi le proprie emozioni con ottimi risultati.

Il desiderio di trasmettere le sensazioni, i sentimenti che prova, ha spinto, di recente, la talentuosa artista a cimentarsi nella realizzazione di brani inediti.

La sua bellezza, la sua fisicità costruita con lo sport, il suo modo d’essere un po’ retrò, trasmettono i suoi valori che appartengono a tempi, ormai, purtroppo passati.

Ha sempre cantato in pubblico: attualmente è la cantante di riferimento di una band piena di giovani promesse che spesso si esibisce in teatri e piazze, tra applausi ed apprezzamenti.

CONTATTI & SOCIAL:

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCIoqdjq3WvHQ0kUQNwLfYng

Google+: https://plus.google.com/102173382472835226020/posts

Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100009069519526

Sito Web: www.cristinasammartino.it

Advertisements

PER TE è il secondo singolo estratto dall’album CANZONI SEGRETE, il nuovo lavoro dei TEMPI DURI dopo 30 anni di silenzio

Canzoni_Segrete_copertina

La band di Verona, originariamente prodotta da Fabrizio De André per l’etichetta discografica FADO, è tornata con un disco di inediti e

con la ristampa dello storico album CHIAMALI TEMPI DURI (remastered) e un cofanetto (digitale) dedicato agli affezionati che permette di scaricare entrambi gli album ad un prezzo speciale

Col nuovo singolo “Per te”, si avrà l’impressione di aver già sentito questa canzone, in quanto una demo della stessa è stata utilizzata per circa 2 anni come colonna sonora di uno spot commerciale TV (Bauli). “PER TE” è una sublimazione quasi dantesca dell’amore fisico.

Il cofanetto digitale contiene 21 brani (i 12 del nuovo album CANZONI SEGRETE ed i 9 del vecchio CHIAMALI TEMPI DURI REMASTERED) ed inoltre conterrà un digital booklet di 25 pagine che riassume la storia della band e comprenderà per intero i libretti digitali dei 2 album.

DICONO DI LORO

  • l’occasione preziosa per riscoprire lo storico primo disco dei Tempi Duri, ma anche per lasciarsi sorprendere dalle nuove canzoni di Carlo Facchini, la cui ispirazione è sempre vivissima” Salvatore Esposito, Blogfoolk

  • Anni di silenzio e anni di ricerca, anni di vita e anni che raramente possono venir raccontati soprattutto da chi oggi si trova tra le mani il peso di tanta eredità artistica, umana e spirituale” Paolo Tocco, Ok Music

  • pop rock d’autore, accenni di folk, eleganza e pulizia nella musica come nei testi, songwriting degno della grande tradizione cantautorale italiana, questa è l’estrema sintesi di “Canzoni Segrete”, con cui I Tempi Duri si riaffacciano romanticamente nella musica italiana. E lo fanno in grande stile: a ben vedere, almeno nel mondo delle sette note, i tempi sono tutt’altro che duri” Piergiuseppe Lippolis, Music Map

  • Un disco leggero ma non superficiale, un disco profondo ma non pesante, un disco intriso di storia e di dettagli, di sagome pregiate piuttosto che di quella preziosa eredità che oggi dovremmo conservare con gelosia” Marco Vittoria, Vento Nuovo

  • Canzoni segrete è un album creato all’insegna dell’unicità e della profondità concettuale” Quadri Project

  • Un bel disco con tante sfumature e tanti punti che lo rendono particolare in tutti i punti di vista” Causa ed effetto

  • un ritorno degno di nota, di quelli che va sottolineato a dovere. (…) Un disco prezioso da vivere prima ancora che da sentire” Paolo Mosca, Full song

  • il loro inconfondibile marchio che resta moderno e immutato, resto antico di cultura italiana e contemporaneo di un pop artigianale.” Marco Pinti, Outune

  • Poesia semplice ma di grande effetto. Disco elegante, d’altri tempi ma attualissimo nei temi trattati, lontanissimo da quel modo di fare e concepire la musica che imperversa oggi.” Sisto Siniscalco, Clapbands

  • è un disco che marchia a fuoco il ritorno di una band che ha recuperato la voglia di raccontare e di raccontarsi attraverso la musica.” Viva Low Cost

  • Quest’album è una fonte inesauribile di creatività che ci dà speranza in questi tempi duri che stiamo attraversando.” Roberto Basilico, Off Topic

BIO

I Tempi Duri, band originariamente prodotta da Fabrizio De André e Dori Ghezzi per la Fado, nasce nella prima metà degli anni ottanta tra le città di Verona (città di 3 dei 4 musicisti della band) e Genova, città natale di Cristiano De André.

Il nome della band, in cui oltre a Cristiano militavano Carlo Facchini (voce ed autore di quasi tutti i brani), Loby C. Pimazzoni e Marco Bisotto è un omaggio ai Dire Straits. Sia nel loro primo singolo che nel successivo album Chiamali Tempi Duri, registrarono la canzone omonima Tempi Duri, un brano originale in italiano che, dal punto di vista musicale, ricordava Sultans of Swing. I Tempi Duri parteciparono, come gruppo di supporto, a tre tour di De André del 1982: tour invernale, tour europeo e tour estivo de L’Indiano.

Carlo Facchini conobbe Fabrizio De André durante l’incisione in studio del brano Una storia sbagliata. Colse quell’occasione per cantare dinanzi a Fabrizio le canzoni Tempi Duri, Regina di Dolore, Elena e Trenta Nodi (mai incisa). Lo fece nonostante il braccio sinistro infortunato e fasciato, accompagnato alla chitarra da Massimo Bubola. L’esibizione spinse De Andrè ad invitare Facchini in Sardegna con lui ed il figlio Cristiano. Fu in quell’occasione che germogliò il rapporto con Cristiano, sfociato poi nella nascita dei Tempi Duri e con l’entrata nel progetto dell’eclettico e talentuoso chitarrista Loby C. Pimazzoni e del batterista Marco Bisotto.

Inizialmente fu anche ipotizzato un duo Facchini – Cristiano De Andrè, ma quest’ipotesi tramontò quando Fabrizio De André e Dori Ghezzi decisero di produrre i Tempi Duri con la Fado, la loro etichetta discografica.

Il primo album inciso dal gruppo, intitolato Chiamali Tempi Duri (1982), fu anche l’unico disco di una band prodotta da Fabrizio De Andrè. A causa delle difficoltà nel reperire un bassista, fu Carlo Facchini a suonare un quattro corde fretless che si trovava in studio al momento delle incisioni. L’album vendette 40mila copie, un ottimo risultato per l’epoca. Il gruppo andò in tour con Fabrizio De André per tre volte. Facchini partecipò anche ad un quarto giro di concerti insieme a Massimo Bubola. Tutti e quattro i tour furono dedicati al disco L’indiano e si tennero dal 18 agosto al 13 settembre 1981, dal 24 gennaio al 21 febbraio, dal 2 marzo al 24 aprile (unico tour europeo di Fabrizio) e dal 4 agosto al 7 settembre 1982.

De André stesso li aveva proposti a Ravera per partecipare a Sanremo con il brano Tempi Duri. Dopo essere già stati ammessi, i Tempi Duri furono esclusi all’ultimo momento dalla competizione a causa di un particolare burocratico segnalato da un’etichetta discografica concorrente; la mancata incisione di un disco precedente a quello in concorso entro il termine del 31 marzo precedente la manifestazione.

Prima dell’album fu inciso un 45 giri contenente i brani Tempi Duri e In una notte così. Nell’anno successivo, il 1983, i quattro lavorarono con Mauro Pagani su un altro 45 giri contenente Jekyll e Gabbia.

I Tempi Duri, oltre a suonare in oltre 100 concerti, si esibirono anche in due edizioni del Festivalbar e presentarono i loro brani in alcune trasmissioni televisive, tra cui Mr. Fantasy condotto da Carlo Massarini, Azzurro 83 di Vittorio Salvetti, Tutti insieme con Gianni Morandi, Superclassifica Show condotto da Maurizio Seymandi, Discoring con Jocelyn, Domenica musica e due puntate di Blitz.

Nonostante il materiale per il secondo album fosse già stato composto, Carlo Facchini fu costretto a partire per la leva. Questo fatto fu anche preludio per lo scioglimento del progetto, avvenuto a luglio del 1985.

Dopo oltre 30 anni di blackout quasi totale (eccetto una brevissima reunion di due giorni allo Studio Metropolis per la registrazione del brano di Carlo Facchini “Con le nostre mani”), i Tempi Duri riprendono sorprendentemente la piena attività nel 2014, effettuando 3 uscite contemporanee in un solo giorno: quella del nuovo album Canzoni Segrete, la ristampa dello storico album Chiamali Tempi Duri (1982) remastered e la pubblicazione sul canale digitale del cofanetto CANZONI SEGRETE Deluxe Edition che racchiude entrambi gli album luogo il 27 gennaio 2015.

Etichetta SAIFAM

Facebook: https://www.facebook.com/tempi.duri.39

Il nuovo singolo “La sai” delle Custodie Cautelari anticipa l’uscita dell’album “Noi e l’oro vol.2”

Custodie cautelari 2015 2

Il brano ricco di colori, esplode in un inciso che esalta le caratteristiche vocali di Ettore Diliberto, unico nel suo genere.

La sai” è un brano che denota la maturità stilistica di una band che da ben 22 anni produce materiale musicale di alta qualità, – ricordiamo nei dischi precedenti i duetti di Ettore con Gianluca Grignani, Franco Battiato, Elio, Francesco Renga, Irene Grandi, Eugenio Finardi, Neffa e molti altri, oltre ad avere un bagaglio inimitabile di concerti (più di 2500).

La band è inoltre un vero e proprio staff musicale che solo quest’inverno ha realizzato ben 6 album (5 di artisti terzi), insomma un vero punto di riferimento del panorama italiano.

Le Custodie Cautelari partiranno da Rimini il 18 giugno – con Finardi e Solieri – in un tour ricco di special guest, che vedrà la partecipazione di colleghi storici come Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè, Maurizio Solieri, Irene Fornaciari, Stef Burns e molti altri.

Guarda qui il video del singolo

Vale la pena di ricordare le collaborazioni di questi ultimi 10 anni tra dischi e concerti con Lucio Dalla, Franco Battiato, Irene Grandi, Elio, Enrico Ruggeri, Francesco Renga, Alex Britti, Gianluca Grignani, Neffa, Eugenio Finardi, Franz Di Cioccio, ed innumerevoli altri. 22 anni che fanno da enciclopedia della musica italiana, indipendente ma molto forte e aggregante in ogni suo dettaglio.

Amati dal pubblico e dai colleghi musicisti, le Custodie proseguono un cammino incredibile, con un Ettore Diliberto che ormai è anche un richiestissimo ed eclettico produttore artistico, sempre insieme ai colleghi della band, in particolare l’infaticabile bassista Anna Portalupi, anch’essa nota per i suoi tour e date anche oltrefrontiera (l’ultimo tour appena finito quello con Tarja Turunen) e numerosi dischi italiani e stranieri.

BIO

Le Custodie Cautelari nascono il 20 ottobre del 1993. Questa band, che ha calcato e anticipato prima il mondo delle cover e poi inventato veri e propri eventi musicali come la NOTTE DELLE CHITARRE, tra concerti e dischi, che hanno coinvolto centinaia di artisti e musicisti.

La potenza espressa nei concerti dal vivo resta una pietra miliare della band, che ripulita di orpelli riporta con vigore sul panorama la propria attitudine rock.

Alla voce c’è da sempre Ettore Diliberto, il leader. Vent’anni di Custodie Cautelari sembrano non avere fiaccato né lo spirito né la generosa voce di questo artista conosciuto ai più, in eterno viaggio musicale.

Anna Portalupi al basso – già bassista nel tour mondiale di Tarja Turunen (ex Nightwish), vanta collaborazione con musicisti di fama mondiale come Steve Lukather, Bobby Kimball, Vinny Appice, Mike Terrana e molti altri.

Alex Polifrone alla batteria – già batterista del Mito New Trolls, e nell’attuale tour di Roby Facchinetti, ha avuto collaborazioni con Nada, Loredana Bertè, Mario Lavezzi, Ronnie Jones, Luisa Corna e tanti altri.

Andrea Motta alle chitarre – Talentuoso chitarrista. oltre ad essere un bravissimo insegnante di chitarra, rappresenta l’ esatto equilibrio trai vari mondi dello strumento a sei corde.

Salvatore Bazzarelli alle tastiere – Polistrumentista in grado di aggiungere il colore necessario a ciascun brano, attraverso l’utilizzo di un setup davvero ricco

In uscita “Noi e l’oro” vol.2, di cui si sono già avute l’anticipazione natalizia del brano “Fine Dicembre”, scritto e realizzato con Maurizio Solieri, l’ironica “Social”, dedicata ai fondamentalisti dei social network e l’ultima on air “La sai”.

Sito band: www.custodiecautelari.it

Sito etichetta: www.et-team.com

Facebook: https://www.facebook.com/custodiecautelari

Youtube: www.youtube.com/CustodieCautelari

“SORRIDERE ALL’INFERNO” E’ IL NUOVO SINGOLO DEGLI ASSENZA ESTRATTO DALL’OMONIMO ALBUM IN USCITA A GIUGNO

BOOKLET 4 PAGINE

Gli Assenza sono ormai da qualche anno una realtà musicale con un potenziale tecnico-creativo davvero sorprendente. Se ne è accorto subito Ettore Diliberto, che ha accolto la band nell’etichetta ET-TEAM.

Sorridere all’inferno” è un brano trascinante che dà nome all’omonimo album degli Assenza.

Il brano è cantato in duetto con Silvia Epi.

La band è appena tornata dagli Abbey Road Studios di Londra, in cui il vincitore del Grammy Awards Simon Gibson si è occupato del mastering.

BIO

Assenza” è un progetto che nasce a Città di Castello (PG) con credenziali rock da subito molto marcate.

Difficile identificare un genere di appartenenza, si tratta infatti di un lavoro fortemente orientato all’innovazione ad ampio raggio. Le sonorità, prettamente estere e di carattere moderno, sono marcate Italia solo per ciò che riguarda i testi.

Vita vissuta, con testi intrisi dell’eterno contrasto umano in bilico tra amore, odio, rabbia, adrenalina, aspetti socio-politici.
Nessun falso moralismo, solo la voglia di esprimere in musica un forte grido interiore che si trasforma presto in sonorità potenti, ma melodiche.

Il nome Assenza non a caso è il concetto contrario all’assidua presenza, è la sostanza che vince sulla forma.

2010 Passaggi radiofonici su tutta Italia con il primo album autoprodotto “Difendimi da me”, raggiungendo la 13 esima posizione dalla Indie Music Like
2013 Apertura concerti Modena City Ramblers
2014 Partecipazione come ospiti al Contro Festival di Sanremo e recensiti dalla critica su quotidiani nazionali (inclusa “La Nazione”)
2015 Assenza firmano con ET-TEAM


LINE UP:

Cristian Laurenzi: Voce

Luca Occhini: Chitarre

Antonio Lusi: Basso

Alessandro Fiorucci: Piano e Synth

Sito Web: www.assenzarock.com

Facebook: https://www.facebook.com/assenzarock.official.management?fref=ts

SALVO VINCI: “IL RESTO DI TE” E’ IL SINGOLO CHE ANTICIPA IL SUO IMPORTANTE PROGETTO PRODOTTO DALLA STORICA CASA DISCOGRAFICA “FIUMARA” IN USCITA A SETTEMBRE

salvo vinci7

Salvo Vinci, un cantante davvero completo dal punto di vista artistico, con un’immagine ed una personalità accattivanti e coinvolgenti per un pubblico potenzialmente trasversale ed eterogeneo.


Una ballad in stile pop-rock dalla struttura anomala, che al classico alternarsi strofa-ritornello preferisce un fluire musicale, libero e istintivo, che concentra le emozioni sullo special.

Si racconta un momento di riflessione di un amore che dopo la tempesta si ritrova e si riconferma, nonostante gli errori e le difficoltà della vita, nella gioia di riscoprirsi fra le lenzuola.

Il resto di te” è stato scritto e arrangiato da Salvo Vinci e da Davide Perra ed è stato prodotto dalla collaborazione tra l’etichetta “Fuoriluogo” e la “Fiumara”.

Il progetto relativo a Salvo Vinci nasce dal desiderio di portare anche sul mercato discografico un artista con un background sino ad oggi prevalentemente costituito da talent, televisione e importanti musical nei teatri.

L’intento è quello di mettere a disposizione del grande pubblico una voce dalla timbrica inconfondibile, con una gamma ed un’estensione notevoli, spiccate capacità compositive e grande presenza scenica come performer sul palco, veicolando al maggior numero di persone possibile l’arte di Salvo, la sua musica, la sua duttilità e versatilità; il tutto senza “snaturare” la persona dietro al personaggio, ma, anzi, facendone parte integrante del progetto per creare un nuovo esempio di artista “self-made man”, capace di creare empatia col suo pubblico anche grazie a personalità , umanità e carisma.

Il progetto parte, non a caso, con l’incisione di una cover di Mino Reitano, “Sogno”, in una versione moderna e completamente rivista con gli occhi di un trentenne di oggi; un omaggio al mondo di un artista storico della musica italiana trasportato ai giorni nostri, in cui le dinamiche del “sogno” e dell’ “emigrazione” sono ancora oggi, dopo quasi 40 anni, al centro dell’attenzione e dei pensieri del mondo giovanile.

BIO

Salvo Vinci, classe 1983, è un giovane cantante di origine siciliana. Lascia la provincia siracusana all’età di 18 anni e si forma artisticamente presso la “Musical Theatre Academy” di Catania dove studia canto ballo e recitazione ed inizia a collezionare diverse esperienze in ambito artistico, ma è grazie alla sua partecipazione ad “AMICI” nel 2004 (dove giunge sino alle finali) che ha inizio la sua carriera come cantante solista.

Negli anni successivi, rivetse il ruolo di cantante/attore protagonista in diversi musicals (FOOTLOOSE” prodotto da FASCINO pgt, HIGH SCHOOL MUSICAL” prodotto dalla Compagnia della Rancia con la regia di Saverio Marconi, 80 VOGLIA DI 80”, Il NIDO DEL CUCULO”, PIRATES”, ROMEO&JULIET” ), ma un netto riconoscimento delle sue capacità vocali ed una svolta nella sua carriera avvengono con la partecipazione alla versione italiana del musical “WE WILL ROCK YOU(prodotto dai “Queen” e da “Barley Arts”) per il quale viene scelto come protagonista maschile da Brian May e Roger Taylor in persona.

Successivamente, interpreta anche una fiction per Canale 5, “NON SMETTERE DI SOGNARE”, nel ruolo di un talentuoso cantante, e recita, così, insieme ad attori quali Giuliana De Sio sotto la guida alla regia di Roberto Burchielli.

Raccontare in musica” è il leitmotiv dell’opera artistica di Salvo che trova concretizzazione nel suo primo singolo per la discografia nel 2012,“IO NON HO PAURA”, seguito da un secondo brano, “IL RESTO DI TE”; attualmente, è in tournée nei teatri con vari spettacoli e, soprattutto,lavora all’uscita del suo primo album da solista di cui cura testi, musica e arrangiamenti, anticipato da un singolo (“SOGNO) prodotto dalla storica etichetta discografica di Mino Reitano.

CONTATTI SOCIAL

Facebook https://www.facebook.com/salvovincipage

Twitter https://twitter.com/salvo_vinci

Instagram https://instagram.com/salvovinci/

Youtube https://www.youtube.com/user/vincisalvo/videos

“Un bacio davvero” E’ IL SINGOLO CHE ANNUNCIA L’esordio discografico di Davide Tosi

Il mondo della notte, le discoteche, i locali ed i party più esclusivi d’Italia. E poi tanta musica, le radio, i deejay più ascoltati, i personaggi più importanti dello spettacolo come amici prima ancora che come partner di lavoro. Davide Tosi è tutto questo ma anche molto di più.

Con la sua agenzia di comunicazione ha rappresentato i più noti volti dello spettacolo ed ha costruito le fortune di brand del Made in Italy che ancora oggi gli tributano il doveroso omaggio.

Ma Davide conserva da sempre nel cuore la passione per la musica e, dopo aver passato nei sui locali le hit più gettonate, dopo aver fatto ballare con i pezzi remixati dai più famosi deejay tutti i locali più in voga della Penisola, è arrivato il momento per puntare su se stesso le luci, con un esordio discografico che fa già parlare tutto il mondo della notte e della musica.

Il brano “Un bacio davvero”, che lo vede protagonista, insieme alla splendida Manuela Gallo, anche di un video, ci fa scoprire un Davide inedito, con un timbro ed una capacità vocale piacevolmente inattesi. Davide parla il linguaggio della vita reale, non cerca stucchevoli rime o improbabili espressioni che non appartengono ai nostri tempi. È diretto, vero, attuale, giovane e frizzante ed il suo “bacio davvero” arriva veloce e rimane nella mente, proponendosi come uno dei tormentoni che accompagneranno le giornate estive e le caldi notti d’agosto tra l’odore del mare, il sole sulla pelle, le emozioni di nuovi amori, i cocktail ghiacciati, la musica nelle orecchie e la gioia di vivere nel cuore.

E allora lasciamoci catturare dalla leggerezza di questo brano che ci regala cinque minuti in cui lasciarsi andare al ritmo dell’estate, a sognare la semplice felicità che può darci un bacio. Un bacio davvero!

BIO

Davide Tosi nasce a Latina il 23 agosto 1972.

Inizia la sua carriera di organizzatore di eventi già all’età di 16 anni nella propria città.

Il mondo della notte, le discoteche, i locali ed i party più esclusivi d’Italia. E poi tanta musica, le radio, i deejay più ascoltati, i personaggi più importanti dello spettacolo come amici prima ancor prima che come partner di lavoro. Davide Tosi è tutto questo ma anche molto di più. Con la sua agenzia di comunicazione ha rappresentato i più noti volti dello spettacolo ed ha costruito le fortune di brand del made in Italy che ancora oggi gli tributano il doveroso omaggio.

Ma Davide conserva da sempre nel cuore la passione per la musica e, dopo aver passato nei suoi locali le hit più gettonate, dopo aver fatto ballare con i pezzi remixati dai più famosi deejay tutti i locali più in voga della Penisola, è arrivato il momento per puntare le luci su se stesso, con un esordio discografico che fa già parlare tutto il mondo della notte e della musica.

Sito Web: http://www.unbaciodavvero.com
Facebook: http://www.facebook.com/unbaciodavverohttps://www.facebook.com/davide.tosi.984

Instagram: instagram.com/unbaciodavvero

I CASABLANCA presentano il loro nuovo singolo “gelido”

Viviamo in un paese distorto e musicalmente dopato, ma la musica non inizia nè finisce qui. Un brano in cui la band si butta ad occhi chiusi e da un senso al proprio modo di concepire la musica rock.

Una delle facce più oscure dell’amore è la metamorfosi che si ha attraverso l’ossessione, il non riuscire a distinguere il bello dalla dipendenza porta dritti ad una sorta di inferno interiore dove tutto si cristallizza e si raffredda.

La passione diventa una droga e la sottomissione diventa la conseguenza.

Il suono dei Casablanca e’ un tuffo negli Anni ’70 e ’90, dove la ricerca sonora non aveva uno scopo, ma solo la curiosità e la necessità di comunicare uno stato d’animo, una sorta di dejavu musicale, tanti hanno in bocca le parole per rimpiangere quelle sonorità.

BIO

MAX ZANOTTI: cantante,chitarrista, autore, produttore artistico.

Nel 1995 ha fondato i Deasonika con i quali ha pubblicato per EDEL quattro album, oltre ad innumerevoli tour ed apparizioni live, Festival di Sanremo, Tour con Placebo, Block Party, collaborazioni con Jaz Coleman (Killing Joke).

Negli anni ha collaborato con Rezophonic,Eva Poles, Malfunk, L’aura, Giusy Ferreri, Nina, dj Myke , dj Aladin, Diego Mancino, Cockoo,Crossover.

Autore per Emi e Curci, come artista solista ha pubblicato un album per Carosello Records (L’illusione).

Insieme a DJ Myke ha pubblicato “DELLA VITA DELLA MORTE”, uscito nel 2014 per Eclectic Circus.

GIOVANNI PINIZZOTTO: bassista, diplomato in contrabbasso.

Ha suonato con Vallanzaska, Interno 17, Tony Canto (produttore di Mannarino), Alessandro Mannarino, Jo Giovanardi, Mario Venuti, Alessandro Grazian, Gianluca De Robertis del Genio, Pete Ross, Enrico Gabrielli dei Calibro 35 e tanti altri.

STEFANO FACCHI: batterista.

Ha fondato insieme a Max i Deasonika con i quali ha pubblicato 4 album.

Ha collaborato al disco di Eva Poles (DURAMADRE) e successivo tour.

FILIPPO DALLINFERNO: chitarrista, cantante, autore, produttore.

Inizia la sua attività di musicista professionista nel 2001 come chitarrista del gruppo “JC Harpo Blues Band” aprendo concerti di molti artisti internazionali (Johnny Winter, Eddie Floyd, Blues Brothers Band, Nine Below Zero ecc..).

Nel 2008 si unisce al gruppo hard rock “The Fire” con cui registra quattro album in studio e tre EP. Con questi ultimi ha all’attivo più di 400 concerti, 2 tour europei e supporti a molti grandi artisti (Alice Cooper, Gotthard, Deep Purple, Kaiser Chiefs).

Dal 2010 al 2013 collabora con il progetto Rezophonic,

Nel 2012 pubblica il suo primo disco solista “FILIPPO DALLINFERNO”, pubblicato da Bagana Records e accolto molto bene dalla stampa di settore e dal pubblico.

ETICHETTA DISCOGRAFICA: OSTILE

EDIZIONI : EDIZIONI PAGANI

CONTATTI WEB & SOCIAL:

Sito: http://www.casablancaofficial.it

Facebook: http://www.facebook.com/casablancarocks

Twitter: @casablancarocks

Instagram: @casablancarocks