Archive | June 2016

TULLIO DE PISCOPO “FUNKY VIRUS” FEAT. RANDY BRECKER E ADA ROVATTI È IL NUOVO SINGOLO USCITO IL 17 GIUGNO

Un pezzo dinamico e brillante, con un richiamo ironico all’era digitale.

TULLIO DE PISCOPO.jpg

Esce il 17 Giugno “FUNKY VIRUS”, il terzo ed ultimo inedito del triplo cd di Tullio De Piscopo, “50. Musica senza padrone” (Warner Music Italy), con il featuring di Randy Brecker e Ada Rovatti.

Ad accompagnare il brano, un videoclip ufficiale colorato e travolgente.

L’album, disponibile dal 13 novembre, è stato pubblicato in occasione dei 50 anni di carriera dell’artista.

Il cofanetto raccoglie la “summa” della produzione di Tullio De Piscopo, che con il suo stile unico è riuscito a portare la batteria, dall’ultima fila del palco al centro della scena, divenendo protagonista, icona riconoscibile e riconosciuta del panorama jazz e pop internazionale.

BIO

Tullio De Piscopo (Napoli, 24 febbraio 1946), batterista, cantautore e percussionista, è tra i drummer italiani più noti e apprezzati anche a livello internazionale. Nato con il ritmo nel DNA – suo padre Giuseppe era percussionista nell’orchestra Scarlatti di Napoli, mentre suo fratello maggiore Romeo, scomparso a soli 20 anni, suonava la batteria nel gruppo del pianista Mario Romano – Tullio familiarizza sin da bambino con ogni tipo di percussione.

Negli anni 70 si trasferisce a Milano e in breve tempo si afferma tra i musicisti più richiesti della scena musicale. La sua carriera si contraddistingue per le numerose e prestigiose collaborazioni con grandi nomi sia del panorama internazionale come Gerry Mulligan, Billy Cobham, Astor Piazzolla, sia di quello italiano come Gaber, Mina, Celentano, Dalla, Battiato, De Andrè.

Con Pino Daniele incide gli album “Vai mo’” e “Bella ‘mbriana”, e lo accompagna in tour insieme Tony Esposito, James Senese, Rino Zurzolo e Joe Amoruso. Con loro torna a suonare, a distanza di quasi vent’anni, nel 2008.

Tullio De Piscopo è anche autore di colonne sonore, tra cui “Razza Selvaggia” di Pasquale Squitieri, “Mi manda Picone” di Nanni Loy, “Naso di cane” ancora di Squitieri e “32 dicembre” di Luciano De Crescenzo, e di sigle tv come “Gabbie” per Sereno Variabile e “Tutto lo stadio” per Domenica Sprint.

Come cantante ottiene grande successo con “Andamento lento” – brano con cui partecipa a Sanremo 1988 e che rimane in vetta a tutte le classifiche per ben sette mesi – “E allora e allora” (Sanremo 1989), “Stop Bajon” (rap composto da Pino Daniele nel 1983), “E fatto ‘e sorde”, (1985), “Jastaò” (1990) e “Qui gatta ci cova” (Sanremo 1993). I suoi pezzi sono apprezzati per le sonorità jazz-pop, talvolta con venature africane, come in Radio Africa, incisa con Mory Kantè, che contiene anche un curioso campionamento di una celebre frase di Totò “Ammesso e non concesso”. Nel 2010 esce il singolo di successo “Conga Milonga”, seguito dal doppio cd “Questa è la storia”. Contestualmente si dedica all’insegnamento e a tutt’oggi tiene lezioni di batteria presso la Nuova Accademia di Musica Moderna a Milano.

Quest’anno festeggia i 50 anni di carriera con l’uscita di “50. Musica senza padrone – 1965/2015”, triplo cd che raccoglie la summa della sua produzione artistica e che contiene 3 brani inediti. All’uscita del disco è seguito il tour “Tullio De Piscopo & Friends – Ritmo e Passione”, che lo ha visto protagonista sui palchi dei principali teatri del nostro paese.

Contatti e social

www.tulliodepiscopo.it

CLAUDIA MEGRÈ “TU NON PUOI” È IL NUOVO SINGOLO IN ROTAZIONE RADIOFONICA DAL 27 MAGGIO

Un brano che dà il benvenuto all’estate attraverso un ritmo coinvolgente ed un ritornello incalzante.

Una sfida, quella lanciata dalla cantautrice musicista, che si mette in gioco in modo energico e dinamico, lanciando un singolo dal mood fresco e nuovo rispetto alle sue precedenti sonorità.

Il desiderio è quello di muovere lo spirito delle persone verso una dimensione musicale in cui la gioia e il divertimento non lasciano spazio alla noia, trovando la carica giusta in se stessi.

Nel video la sensualità e l’energia vengono fuori come un’esplosione che, il giovane regista Emanuel Lo, ha saputo declinare immaginando un mondo ideale: le uniche lotte sono quelle tra i fantastici ballerini che si sfidano a ritmo di break dance ballando in una tempesta di colori.

Etichetta : MED MUSIC CORPORATE /SOLOMUSICAITALIANA

BIO

Claudia Megrè è chitarrista, autrice e compositrice.

Nel 2001 vince il CAPRIOLI LIVE MUSIC FESTIVAL ed il PREMIO SAN CARLO D’ARGENTO.

Nel 2002, grazie al contenuto ed alle tematiche delle sue canzoni, viene insignita del titolo di testimonial della legalità degli studenti campani, e nello stesso anno vince il CANTA SALERNO.

Nel 2003 vince il Premio MEGARIS per la musica e viene premiata come miglior cantautrice del FESTIVAL DI MONTECATINI.
Nel 2005 raggiunge il prestigioso traguardo del
secondo posto al Festival di CASTROCARO RAI.

Tra il 2006 e il 2010 ottiene premi e riconoscimenti vocali e cantautorali al FESTIVAL DI PISTOIA, FESTIVAL DI MONTECATINI, TIRRENO FESTIVAL e FESTIVAL DELLE STELLE EMERGENTI DI SANREMO.

Nel luglio 2011 esce il suo primo singolo “Dimmi che” con la partecipazione straordinaria del celebre quartetto d’archi SOLIS STRING QUARTET, che entra a far parte delle cinquanta canzoni italiane più trasmesse dalle radio. Successivamente collabora alla stesura del testo del brano “Voglio star con te” degli Studio 3. Sempre lo stesso anno scrive insieme alle ragazze dell’Istituto Penale Minorile di NISIDA, “La Finestra” colonna sonora del MARANO RAGAZZI SPOT FESTIVAL, importante manifestazione tesa a promuovere la legalità e la giustizia sociale.
Nel Marzo 2012 esce il suo secondo singolo
“Da domani” che ottiene uno strepitoso successo radiofonico. È poi docente musicale nel progetto sociale “Una canzone a Nisida” che ha visto protagonisti quattro istituti superiori partenopei in collaborazione con il Marano Ragazzi Spot Festival e l’istituto Penale Minorile di Nisida in cui si è dato vita al brano “Qui veut changer, peut changer – Chi vuol cambiare, può cambiare”.

Nel Giugno 2012 lancia il singolo “Liù”, originale reinterpretazione in chiave rock dell’indimenticabile successo de Gli Alunni del Sole. È poi la volta di “Chi non si arrende” in duetto con il rapper GUÈ PEQUENO e “Un punto e poi da capo” in duetto con il vincitore di Sanremo giovani 2010 Tony Maiello.

Dal 2013 frequenta il CONSERVATORIO DI SAN PIETRO A MAJELLA.

Nell’estate 2013 pubblica il suo primo album “DA DOMANI”.

Accompagnata dalla sua chitarra e dalla sua band, apre diversi concerti di grandi artisti della musica italiana, tra cui Marco Masini, Edoardo Bennato ed i Tiromancino.

Nel Marzo 2014 partecipa al programma tv Rai Due THE VOICE OF ITALY. Nella blind auditions sorprende il pubblico e i coach JAX, Raffaella Carrà e Pierò Pelù con una straordinaria interpretazione di “Wish You Were Here” dei Pink Floyd. Decide di entrare nel Team Pelù dove si distingue per il suo timbro vocale graffiante, l’immagine internazionale e la capacità di reinterpretare in chiave rock successi italiani pop del passato. Si classifica tra i finalisti del team e nell’ultima puntata Pierò Pelù ne esalta in diretta le doti cantautorali.

Successivamente prende parte alla trasmissione tv Rai Uno “Domenica In” come talento rock emergente della kermesse musicale “Ancora Volare”.

Nel Gennaio 2015 sarà al fianco di Luca Barbarossa, Neri Marcorè ed Andrea Perroni, per quattro puntate nel programma Radio Social Club a Radio Rai due.

Successivamente testimonial e protagonista per l’azienda THUN della Web Serie “Dedicato a te”, dal cui nome firma un singolo musicale scritto ad hoc per il progetto. Nel Giugno 2015 la suddetta Web Serie viene insignita del prestigioso Premio Positive Business Award.

Nel Febbraio 2015 è testimonial del brand COCONUDA con la sua canzone “TATUAMI” che farà da colonna sonora allo spot pubblicitario tv del noto marchio di abbigliamento in questione, che la vede anche come protagonista.

Nel giro di poche ore “TATUAMI” scala le classifiche musicali italiane ed impazza con le visualizzazioni nel web, diventando un vero e proprio tormentone.

Nel Luglio 2015 lancia il suo nuovo singolo “E già mi sento in vacanza” che la vede al fianco del celebre rapper CLEMENTINO, che si cimenta in un featuring innovativo in cui le sonorità dell’universo pop rock si fondono con quelle dell’universo rap.

Attualmente lavora al suo prossimo album in cui saranno presenti collaborazioni con diversi cantautori della musica italiana tra cui Edoardo Bennato, con il quale ha già registrato in duetto la sua storica canzone “Le ragazze fanno grandi sogni”. Anche la regia di questo video è firmata come quella dei due singoli precedenti dal regista Emanuel Lo per i Visionari Lab.

Contatti e Social

Sito Web: claudiamegre.it/

Facebook: http://www.facebook.com/claudiamegre/?fref=ts

Twitter: twitter.com/ClaudiaMegre

Youtube: www.youtube.com/user/MadliRecords

Instagram: www.instagram.com/claudiamegre/

ANDREA LA GONA: “CORREREI INTORNO AL MONDO” è IL NUOVO SINGOLO PRODOTTO DA MASTER STAR

Rock, melodia, cuore e ferro: così si caratterizza il cuore pulsante custodito in un brano che saprà emozionare.

Correrei intorno al mondo”, è il primo tassello di un lavoro musicale ben più ampio che coinvolge Andrea La Gona nella veste di autore e compositore.


Le sonorità calde e ritmate del rock d’oltreoceano insieme alla vena pulsante del pop italiano fanno di “Correrei intorno al mondo” una fusion di atmosfere musicali delicate, graffianti ed appassionate.

Il brano, disponibile dal 29 Febbraio 2016 su tutte le piattaforme musicali tra cui iTunes, Amazon e GooglePlay, vede La Gona in qualità di co-autore di spartito e parole insieme alla collaborazione artistica di Fabrizio Venturi.

BIO

Andrea La Gona nasce il 16 agosto 1984. Fin da giovanissimo si avvicina agli studi di musica classica, chitarra e tecnica vocale, costruendo da subito le solide basi che andranno a sorreggere poi la sua carriera musicale.

Nel 2003, sul palco del teatro comunale di Sulmona, partecipa come cantautore ad “Un giorno insieme” manifestazione musicale dedicata ad Augusto Daolio con la partecipazione di Edoardo Bennato, Alessandro Centofanti ed Edoardo De Angelis. Questa è la fase in cui studio e composizione si intrecciano. Andrea forma gli EISI e partecipa nel 2004 alla finale del “Montecarlo Rock Festival” per “Radio Music Village” in occasione della serata finale del Festival di Sanremo. Sempre con gli Eisi nel 2005 è la volta della finale di “Bologna Music Festival” presso lo Sugar Reef di Arezzo. Qui il pentagramma pop/rock melodico, che lo aveva fin a quel momento contraddistinto, lascia decisamente spazio ad una nuova esperienza musicale totalmente rock. Successivamente insieme ad un gruppo di amici musicisti mette in piedi gli Smokout e la Bon Jovi Tribute Band i quali tour vengono promossi dall’agenzia Master Star di Paolo Boccia. Da segnalare la fervida attività concertistica che vede serate, live e partecipazioni con artisti quali Alberto Camerini, Righeira, Francesco Sarcina, Daniele Magini, Paolo Migone, Sergio Sgrilli, Mario Biondi ed altri ancora. Nel 2016, sempre con produzione della Master Star nasce il nuovo progetto musicale da solista che consacra un’attitudine musicale virata su sonorità graffianti ma delicate che strizzano l’occhio al rock d’oltreoceano.

Etichetta discografica: Advice Music di Alberto Boi

Produzione Esecutiva: Master Star di Paolo Boccia

CONTATTI & SOCIAL:

FACEBOOK PROFILE: http://www.facebook.com/andrea.lagona.3

FACEBOOK FAN PAGE: http://www.facebook.com/andrealagonaofficialpage

TWITTER: http://twitter.com/AndreaLaGona

INSTAGRAM: http://www.instagram.com/andrealag/

YOUTUBE CHANNEL: http://www.youtube.com/channel/UCuXw4gO2K7SwyihLYR2qcBw

WEBSITE: http://www.andrealagona.it

“NON SI PUÒ PIÙ PAGARE” È IL SINGOLO D’ESORDIO DI LOOPEN CHE ANTICIPA L’EP “NON SI PUÒ +”

L’urlo di un giovane contro l’indifferenza, per svegliare le menti

e posizionarsi contro ogni guerra e ogni azione che annichilisce l’essere umano in nome di un ideale contraffatto e manipolato.

Scandito da influenze musicali che attingono dal trip hop, “Non si può più pagare” si propone come un pugno nello stomaco dell’indifferenza comune. Un esordio senza compromessi.

In questa canzone LoopEn propone, con parole mirate e musica da 130 bpm, un tema a lui molto caro: il senso di anestesia globale, fomentato dal pensiero unico, che colpisce spesso la gente, portandola a perdere la sensibilità. Invece si può pensare, anzi secondo l’autore “si deve pensare”, anche quando si balla con gli amici, tenendo il ritmo di una musica incalzante: “La prima rivolta nasce dentro di noi, sempre”.

Non si può più pagare” è il primo singolo dell’Ep di esordio per LoopEn, nonché il risultato di tre anni e mezzo di lavoro e preparazione. Posto al crocevia tra un rap italiano volutamente cantautorale e le influenze musicale trip hop, house ed etniche, questo lavoro ha un fil rouge concettuale: in ogni canzone è presente una situazione critica, che però non rimane sterile, ma sfocia nell’immaginazione di soluzioni nobilitanti. Da qui la scelta del titolo: se l’iniziale “Non si può” – unito poi alla croce del “+” – può far trasparire una critica (o un’amara constatazione), è sotto il secondo senso della croce che si trova il messaggio ottimista: dal pessimismo realista della critica si passa alla possibilità di una “resurrezione”, in qualsiasi modo desideriamo declinarla.

Le tracce dell’Ep “Non si può +”:

  1. GIUNGLA IN MOVIMENTO – la metropoli corre e soffoca le persone, ma qualcuno la guarda da un altro punto di osservazione.

  2. NON SI PUO’ PIU’ PAGARE – un pugno nello stomaco dell’indifferenza comune.

  3. E VA BENE COSÌ – l’amore è vita nelle piccole e grandi cose della quotidianità, oltre ogni stereotipo.

  4. SOLO DISTANTI – il sentimento è più forte della geografia, fisica e mentale.

  5. LA STORIA DI PEPPINO – il racconto della vita di Peppino Impastato, eroe dimenticato.

BIO

Nato a Milano il 17 giugno 1998, Giorgio Viganò, in arte LoopEn, avvia la sua attività musicale nel 2011, frequentando l’ambiente dell’hip hop milanese. E’ il bisogno di scrivere che trova inizialmente nel rap la sua strada. Portando avanti gli studi classici e musicali, nel 2013 collobora gli Istentales in “Sogni ad Occhi aperti”, contenuto nell’omonimo album del gruppo sardo, e intensifica l’attività dal vivo. Fra le altre partecipazioni Voci di Maggio in piazza a Sassari, Barrio’s di Milano, Mendel di Milano in apertura degli Assalti Frontali, festa europea della musica ad Abbiategrasso, Mandrio di Correggio in apertura del concerto di Alberto Bertoli.

Nell’ottobre 2015 partecipa ad Area Sanremo.

Nel 2016, dopo un lavoro di preparazione durato tre anni ed un percorso musicale contaminato dai generi e connotato dal peso delle parole, LoopEn è pronto alla pubblicazione del primo Ep di inediti dal titolo “Non si può +”, preceduto dall’uscita in radio del primo singolo “Non si può più pagare”.

Produzione artistica e management Eros Cristiani.

CONTATTI & SOCIAL:

Sito: www.loopen.it

Facebook: https://m.facebook.com/profile.php?id=1565407930393607

Twitter: https://mobile.twitter.com/en_loop?cn=cmV0d2VldA%3D%3D&refs%20rc=email

Youtube: https://m.youtube.com/channel/UCo4ghbCICU2088ok2gnLJ9Q/featured

MISERO SPETTACOLO “MWM” é IL NUOVO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM “PORCI, PECORE E PIRATI” PATROCINATO DALLA FONDAZIONE CENTRO STUDI – ARCHIVIO PIER PAOLO PASOLINI

La canzone parte dall’idea di raccontare una storia d’amore annichilita da un lutto, e con un’imprevedibile ironia, inizia ad indagare sul concetto di verità che segna in maniera indelebile la vita dell’essere umano.

Nella parte finale, la canzone, nella ricerca disperata della verità, si affianca alla parallela mutazione antropologica letta come una inevitabile conseguenza culturale. (cfr. “Lo storico discorsetto di Castelgandolfo” – Scritti Corsari).

Il singolo fa parte del disco “Porci, pecore e pirati” (un concept album per la precisione), patrocinato dalla Fondazione Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini che ha proclamato in anteprima il progetto di Interesse Culturale in quanto “opera interessante e originale per come fonde ironia e satira e critica della società edonistica dei consumi, con sincerità e vivacità” (R.Chiesi – Centro Studi – Archivio P.P.Pasolini), è un’opera di musica popolare moderna e cantautorale interamente ispirata al pensiero pasoliniano, ricca di omaggi e riferimenti ad uno dei più grandi intellettuali e artisti che l’Italia possa vantare.

Un bel lavoro che non è per niente scontato né facile. Di sicuro un ascolto per chi dalla canzone d’autore cerca il gusto letterario e sociale invece di fermarsi al mero estetismo sonoro”. Paolo Tocco – RAROPIU’

Album denso, attualissimo, intelligente,(…) vestito però di un abito musicale fresco e molto accattivante, per un prodotto di alto livello, in grado di soddisfare sia il pubblico più affezionato a sonorità ed impostazioni classiche che coloro che sono più attratti da un sound moderno, senza tralasciare però i contenuti”. Denis Caffarel – Riforma.it

La canzone d’autore veste di nuovo panni partigiani e, grazie alla pungente penna del Misero Spettacolo, si fa musica per le orecchie di tutti”. Marco Vittoria – Ventonuovo

Disco monumentale e caratteristico per la musica d’autore, che si propone di far conoscere in chiave musicale il pensiero di Pierpaolo Pasolini, un disco ambizioso, ma riformatore per certi versi del cantautorato così come lo conosciamo oggi, che butta uno sguardo ai grandi del passato e che sapientemente consegna al futuro un concetto, un’essenzialità di fondo che va ben oltre tutte le parole del conoscibile”. IndieperCui

La bella canzone d’autore dei Misero Spettacolo non è una canzone radiofonica da consumare nel giro di qualche ritornello facile; invece c’è teatro, musica, parole. Canzone d’autore come il vero senso di questa espressione vorrebbe che sia”. Luca Marsi – Fullsong

Il mondo circense, quello rock indie, quello pop leggero italiano. Quello che scivola via se non lo fermiamo a sottolinearne testi e momenti. Pratica ormai diventata assai rara…”. Alessio Primio – 100decibel

Una canzone impegnata socialmente e non politicamente, testi pregni di parole importanti che, come ambizione, hanno solo quella di trasporre in musica concetti profusi a volontà dalla letteratura Pasoliniana”. BlogdellaMusica

Una bellissima prova autorale in un’era che forse avrebbe più bisogno di concept album di questo tipo che di mercificazioni radiofoniche per i grandi media”. LoudVision

E se lasciamo perdere la forma canzone formattata per il consumismo radiofonico, scopriremmo quanto peso c’è dietro ogni singola parola. Si chiama musica gente…”. RadioTweetItalia

Un album che non è affatto destinato a un consumo di sottofondo, ma che va ascoltato, assorbito e in qualche modo vissuto e studiato. Come a dire, bambini, fate attenzione, questo è un disco che scotta”. Alessandro Riva – Musicletter

Ottime sonorità vintage, jazz e cantautorato condito dalla salsa agrodolce dell’ironia e della satira italiana sul nostro stesso Paese a forma di stivale (stivale che sembra prenderci a calci). (…) Considero l’album di “fantozziana memoria” e lo consiglio caldamente”. Vanni Versini – Onda Musicale

E’ un’opera certamente molto ispirata: il tentativo ambizioso di entrare nei meandri del pensiero pasoliniano è perfettamente riuscito e il disco, che si lascia ascoltare senza grosse difficoltà, trova il suo punto di forza nei testi, da leggere e comprendere con attenzione”. Piergiuseppe Lippolis- MusicMap

Un lavoro di accattivanti metriche, dall’interessante rock epico. L’ironia pungente e di ingegnoso intelletto, percorre l’intera composizione di Porci, pecore, pirati”. Rosa di Girolamo – MyDreams.it

BIO

Misero Spettacolo è un progetto del cantautore Beppe Tranquillino (Giuseppe Tranquillino Minerva), già compositore, arrangiatore e produttore di altri progetti e colonne sonore. Formato da 5 musicisti e numerose collaborazioni, il progetto esplora il cantautorato tra musica, teatro, poesia e filosofia. Dopo aver calcato i palchi dei migliori festival musicali, vengono contattati dal produttore artistico Gabriele Rustichelli della Zeta Promotion. Prodotto dallo Zeta Factory e distribuito dalla Venus Distribuzione, nel 2007 vede la luce il loro disco d’esordio “Tutto è un’opinione” (concept album che ruota attorno alla “Teoria della Relatività”), accolto come uno tra i migliori esordi del 2007 e che porta il progetto ad esibirsi in in circa 250 concerti.

Nel 2010 pubblicano, sempre per Zeta Factory e Venus Distribuzione, il loro secondo concept album di 15 brani inediti “L’Inconcepibile” (concept album che stavolta ruota attorno al “Secondo Principio della Termodinamica”) considerato dalla critica specializzata un autentico capolavoro, un bagno di energia e intelligenza, un’opera originale e profonda.

Il disco viene anticipato dall’uscita del videoclip “La maculata di Laura” scritto, diretto e prodotto dai Manetti Bros e dall’apparizione televisiva su Rai2 per la terza stagione della serie tv L’ispettore Coliandro, per la quale i Misero Spettacolo compongono anche parte della colonna sonora e scrivono la canzone originale “La druda e il soldato” cantata con l’attrice Raffaella Rea.

Nel 2010 musicano la poesia “Primo Settembre di Noie” del poeta Mario Moroni tratta dalla raccolta “Il primo passo” (edizioni Memoria del Mondo).

Nel 2011 musicano i contenuti speciali e backstage della terza stagione de L’ispettore Coliandro pubblicata in un cofanetto DVD da RaiTrade.

Nel febbraio 2012 Beppe Tranquillino scrive ed inizia a presentare una trasmissione radio su Ok Radio intitolata “L’Italia dei Pensatori”, scritta e ideata per i Misero Spettacolo ed ispirata al pensiero pasoliniano. Nasce così, diventando sigla della trasmissione, la prima canzone del disco intitolata “L’Italia dei Pensatori”.

Nel 2013 vince il Premio Speciale “Inedito” al Salone del Libro di Torino per il testo de “L’Italia dei pensatori”.

Lo stesso anno esce in anteprima per XL REPUBBLICA il nuovo singolo “Il prezzo da pagare” accompagnato da un fortunato videoclip in stop-motion.

Da anni Beppe Tranquillino con la collaborazione dei Misero Spettacolo compone e realizza colonne sonore tra le quali ricordiamo le musiche composte per il documentario “Tonino Guerra – Poeta del cinema” (insieme ad Andrea Guerra) e la serie televisiva Rai “Community”.

Contatti e Social:

Sito web: www.miserospettacolo.itwww.beppetranquillino.com

Facebook: www.facebook.com/miserospettacolo.band/ – www.facebook.com/miserospettacolo

Youtube: www.youtube.com/miserospettacolo

Twitter: twitter.com/#!/MiseroSpett

Soundcloud: soundcloud.com/miserospettacolo

MARIE AND THE SUN: “VELENO” È IL NUOVO SINGOLO SCRITTO IN COLLABORAZIONE CON ZIBBA

Il concetto di attrazione affrontato nelle sue dinamiche di forza magnetica incessante e totalizzante.

“Veleno” è un brano che racconta come l’attrazione per qualcuno o per qualcosa possa essere forte fino a diventare tossica, ma, non per questo, si affievolisce. Il testo del brano, ispirato a un’esperienza vissuta nella città di Londra, è stato scritto insieme al cantautore Zibba.

“Marie and the Sun” è un duo nu soul che mescola atmosfere black e elettroniche. La loro musica si ispira da un lato a grandi artisti soul come Stevie Wonder, Erykah Badu, Amy Winehouse e dall’altro a sonorità elettroniche della scena internazionale come James Blake e Flying Lotus. 

Il loro primo lavoro in studio, un EP di sei brani in italiano, è stato arrangiato e prodotto insieme al beatmaker torinese Natty Dub dei Funk Shui Project, e coniuga sonorità contemporanee a testi in italiano con un stile essenziale.

Il progetto sarà in parte prodotto grazie a una campagna di crowdfunding che sarà online dal 20 giugno al 10 luglio sulla piattaforma Eppela tramite cui sarà possibile sostenere il progetto pre-acquistando l’album in copia fisica o digitale, un pezzo di merchandise della band, o prenotando un esclusivo private show del duo.

BIO

Marie and the Sun è un duo che nasce nell’autunno del 2011 quando Giulia Magnani e Francesco Drovandi si incontrano in una sala prove di La Spezia e registrano una cover di “Walk on the Wild Side” di Lou Reed. Da qui in poi i due cominciano a reinterpretare brani Soul, Jazz e della tradizione black.

Dal 2012 il duo comincia a comporre brani inediti in italiano e in inglese; nello stesso anno ha inizio anche la loro attività ‘live’ che li vede portare il proprio repertorio a festival e concorsi a livello nazionale.

Partecipano al Tour Music Fest e alla finale al Piper Club di Roma vincono il premio Discografia. Grazie a questo premio arrivano a suonare a un festival partner presso l’IndigO2, all’O2 di Londra.

Nel 2013 partecipano a Emergenza Festival arrivando a suonare alla finale all’Hiroshima Mon Amour di Torino. Al concorso ‘sottoilcielodifred’, dedicato a Fred Buscaglione, vincono il premio Postumi di Fred.

Nel 2014 suonano a diversi festival nazionali quali l’Acmé Festival, il Reload Sound Festival e il Reset Festival.

Nel 2015 il duo intensifica la propria attività ‘live’, che porta i due a suonare in molte regioni d’Italia, sia in locali che in importanti manifestazioni (Collisioni, Aria di Friuli Venezia Giulia, Citabiunda Fest, IScream Festival) e ad aprire i concerti di artisti quali Zibba, Alex Britti, Musica Nuda, Erica Mou, The Niro.

Nell’estate del 2015 partecipano al concorso di Radio Deejay DEEJAY ON STAGE, arrivando alle semifinali ed esibendosi sul palco di Riccione. Marie and the Sun hanno portato la loro musica anche alla Fashion Week di Parigi nella primavera e nell’autunno del 2015, avendo incuriosito una stilista italiana che li ha scelti per le sue presentazioni.

Ad ottobre il duo presenta un brano, scritto a quattro mani insieme a Zibba, per il concorso Area Sanremo, arrivando fino alla finale e aggiudicandosi la partecipazione al master AKAMU ad Asti. Parallelamente all’attività live, il duo sta lavorando in studio alla realizzazione di un primo EP di prossima uscita.

CONTATTI E SOCIAL

Sito : http://www.marieandthesun.com/

Facebook : https://www.facebook.com/marieandthesun/

Instagram : https://www.instagram.com/marieandthesun/

Youtube : https://www.youtube.com/channel/UCKxN1dOK45NCbsNV50Wz_aQ

ELEFANTI  “NEL VORTICE (NON È FACILE)”  È IL NUOVO SINGOLO IN ROTAZIONE RADIOFONICA DEL POWER DUO

Un pezzo semplice ma diretto, intellegibile e fruibile che si fa metafora di un’esperienza del quotidiano.

ELEFANTI

Nel Vortice (Non è facile)” è una canzone in cui la lingua italiana si sposa perfettamente con delle sonorità internazionali di forte impatto scenico. Tutto ruota intorno ad un perfetto equilibrio reso dalla commistione bilanciata di chitarra, basso e batteria.

«Il testo del brano nasce dal mio vissuto, una storia che mi ha toccato da vicino. Osservo molto ciò che mi circonda, la realtà è la migliore fonte di ispirazione, sempre». Francesco “Shamble” Arciprete (voce, chitarra e basso).

La canzone è accompagnata da un videoclip girato in un’area industriale ai margini di Bergamo, città dov’è iniziato il percorso artistico del gruppo. Il clip è stato diretto da Ivica Caglioni. Fulcro della storia è un misterioso rapimento, tra panoramiche suggestive e una narrazione davvero avvincente.

Guarda il video su youtube

 

Il singolo rappresenta il preludio del primo lavoro in studio degli ELEFANTI dal titolo “Noi siamo elefanti”, prodotto da Francesco “James” Dini (The Last Fight, James and The Butcher) e Teo Cremaschi presso il 1901. Studio.

Il disco vuole essere una rappresentazione snella e fruibile di un concetto che rappresenti appieno i gusti musicali e il modo di scrivere e fare musica della band.

ELEANTI sono: Francesco “Shamble” Arciprete (voce, chitarra e basso) e Matteo “Teo” Belloli (batterista e seconde voci).

BIO

Il progetto ELEFANTI nasce dall’incontro tra Francesco “Shamble” Arciprete e Matteo “Teo” Belloli.

Il gruppo si forma a tutti gli effetti nell’autunno 2015, anche se l’idea di suonare insieme era nell’aria già dall’estate dello stesso anno.

Entrambi bergamaschi, i due musicisti hanno alle spalle precedenti esperienze prima di intraprendere la nuova avventura con il nome ELEFANTI.

Francesco “Shamble” Arciprete avvia la sua carriera come bassista dei Cheap Mondays, band nella quale suona dal 2006 a 2010 per poi approdare al gruppo Glass Cosmos, sempre al basso, fino agli inizi del 2015. In entrambi i gruppi canta anche come seconda voce.

Matteo “Teo” Belloli dal settembre del 2008 inizia a suonare la batteria all’interno della sua prima band. Conseguentemente viene scelto dai Glass Cosmos, dove incontra Francesco, fino allo scioglimento della band.

Arciprete e Belloli trovano, durante la loro ultima esperienza musicale, un affiatamento, una comunanza di ideali, valori, ambizioni, sogni ed una grande stima reciproca che fa decidere loro di intraprendere una nuova avventura. Da una prima formazione con più componenti, Francesco e Matteo scelgono di credere nella forza e nella potenza di suoni diretti e taglienti, ma soprattutto vogliono credere nelle loro forze. Nasce così il power duo ELEFANTI.

La band ha in cantiere un disco, prodotto da Francesco “James” Dini (frontman dei The Last Fight e del progetto James And The Butcher) e Matteo Cremaschi, presso il 1901. Disco, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. L’album è anticipato dal singolo “Nel Vortice (Non è facile)”, accompagnato da un suggestivo e adrenalinico videoclip diretto da Ivica Caglioni uscito, in esclusiva per Impatto Sonoro, il 1 marzo 2016.

Contatti e social:

Facebook: https://www.facebook.com/Elefanti.band.official/

Soundcloud: https://soundcloud.com/elefanti-band

Twitter: https://twitter.com/elefanti_band

Instagram: https://www.instagram.com/elefantiband/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC3dzh7rP5xasEzcaI5BqPDg